Nuove armi per le forze armate Usa, installato il primo cannone laser

Tiscali

La Marina militare statunitense ha annunciato di aver messo a punto un sistema laser in grado di neutralizzare piccole imbarcazioni o abbattere droni (aerei teleguidati) da ricognizione. Il sistema è stato già testato e ha dimostrato di esser in grado di svolgere egregiamente il proprio lavoro. Conosciuto con il nome di “Laser Weapon System”, o “Laws”, il sistema sarà in dotazione alle varie unità navali statunitensi già nel 2014. Secondo la Marina il costo di un "colpo" di energia diretta potrebbe essere inferiore a un dollaro, contro le centinaia di migliaia di dollari necessari per il lancio di un missile anti-nave o anti-aereo; inoltre, per funzionare, un laser ha bisogno unicamente di elettricità ed è assai meno pericoloso dei comuni esplosivi. Al momento l’arma è stata utilizzata solo per abbattere droni nelle aree di prova, ma il governo americano ritiene possa presto diventare strategica in diversi conflitti. Il prototipo del Laser Weapon System è costato ai contribuenti americani circa 31 milioni di dollari.