Christian Caliandro

Storico d'arte contemporanea

Classe 1979, è storico dell’arte contemporanea e studioso di Cultural Studies. Svolge attività di ricerca presso la Fondazione Università IULM di Milano. Nel 2006 ha vinto la I edizione del Premio MAXXI-Darc per la critica d’arte contemporanea italiana. "Il suo ultimo libro è Italia Reloaded. Ripartire con la cultura (Il Mulino 2011), scritto con Pier Luigi Sacco

Tutti gli articoli
 

"Warrior", ovvero Rocky al tempo della crisi globale: un nuovo fenomeno di massa

In queste settimane davvero impegnative – che stanno dando corpo e sostanza, in maniera pi... continua

 

Dopo di lui. Che cosa sarà dell'Italia dopo Silvio Berlusconi?

Mentre queste tre settimane trascorse dalla caduta di Silvio Berlusconi si dilatano sempre pi... continua

 

La colonna sonora perfetta per questo tempo è la musica dei primi anni 80

Volete sapere qual è la colonna sonora perfetta per questo tempo , per questa epoca di... continua

 

La crisi economica e quella dei cervelli obsoleti

La maggior parte delle persone pensa che la crisi prima o poi finirà : che sia solo, in definitiva... continua

 

L'Italia dei cari estinti, dei progetti e dell'anti-miracolo

Prima o poi qualcuno dovrà fare la storia di quello che avrebbe potuto essere, e non è stato nell... continua

 

In Italia fiere e mostre si tengono in luoghi deserti: fatevi un giro a Londra dove il biglietto è gratis

In tutti i discorsi che sentiamo normalmente fare , e che facciamo, sullo stato attuale del nostro... continua

 

Mondo precario, contro milioni di giovani il furto del futuro e del presente

Sentire persone di una certa età, e con un ben preciso potere decisionale, discettare di "precariet... continua

 

Islanda, la first lady scavalca le transenne e si unisce alla gente che protesta: davvero un'altra civiltà

Una protesta contro la crisi. Manifestanti come ormai in questo 2011 se ne vedono in tutti gli... continua

 

Sulla distorsione delle parole sensibili: prendiamo l'esempio di "ideologia"

Uno dei fenomeni più interessanti da osservare nei processi culturali contemporanei è la... continua

 

Era proprio necessario arrivare a questo punto? Corrado Alvaro e l'Italia del '44

Nel 1944, Corrado Alvaro scrisse il pamphlet L’Italia rinunzia? . Nel mezzo del disastro civile e... continua

 

Mastro-don Gesualdo e il capitalismo isterico

In questi tempi bui , è utile forse rileggere uno dei capolavori di Giovanni Verga : Mastro-don... continua

 

Crisi, panico e insicurezza: se tutto va bene una estate da raccontare ai nipoti

E adesso, che cosa succede all’Italia? Quasi tutti, in questo Paese, sembrano avere paura di ci... continua

 

Absolute Dissent: il ritorno dei Killing Joke

Ve la immaginate una qualsiasi band di attualiventi-trentenni che intitola Absolute Dissent il suo... continua

 

Apocalisse in salsa italiana tra speculazioni finanziarie e crisi politiche

Der Spiegel , con la sua consueta simpatia, ci ha appena dedicato una delle sue amorevoli copertine... continua

 

La declinazione economico-finanziaria dell'Apocalisse

Che cos’è la fine? La fine è, da quasi tre anni, la nostra dimensione. Ci sono periodi - come... continua

 

Smaterializzazione e amnesia collettiva

I file sul nostro computer, o sull'iPad, o sull'ebook (dischi, libri, film, documenti, ecc.) sono... continua

 

Eataly a New York: eccellenza e ricostruzione identitaria passano anche da qui

Eataly a New York è gia diventato un luogo di ritrovo estremamente trendy. I cittadini si danno... continua

 

L'Italia vista da New York è una nazione paradossale: l'avanguardia di una speranza crudele e sconcertante

Qui a New York, la crisi la stanno vivendo proprio male. Sotto la facciata costantemente... continua

 

Il risveglio di questo Paese è possibile riattivando la nostalgia

Due settimane fa ero al matrimonio di uno dei miei più cari amici, in Puglia. Verso la fine di un... continua

 

L'ipocrisia sui fatti di Avetrana: dopo la scarcerazione di Misseri il circo degli orrori non si ferma

Adesso, Michele Misseri è stato scarcerato. Non è più lui il mostro, l’assassino, l’orco. Dopo... continua