La Via Lattea non è piatta, la scoperta degli astronomi: “E’ piena di gobbe”

Sviluppata la mappa tridimensionale più precisa di sempre

dida:
TiscaliNews

Sorprese dalla Via Lattea: la nostra galassia non è la spirale dalla forma appiattita e regolare descritta finora da astronomi e astrofisici, ma è piena di irregolarità e costellata di gobbe. Lo dimostra la mappa 3D finora più vasta e precisa descritta sulle pagine della rivista Science e coordinata dall'Università di Varsavia, con il gruppo di Dorota M. Skowron. La mappa è stata ottenuta misurando la distanza fra il nostro Sole e quella di migliaia di stelle pulsanti chiamate Cefeidi, che brillano fino a migliaia di volte più del nostro Sole e che, con i loro impulsi regolari, sono considerati dei fari cosmici.

"La nostra mappa mostra che il disco della Via Lattea non è piatto", osserva uno degli autori della ricerca, Przemek Mroz. "Per la prima volta - aggiunge - possiamo utilizzare dei singoli oggetti cosmici per ottenere una mappa tridimensionale". Questo permetterà alla ricerca di fare un passo in avanti verso la comprensione della forma e della struttura della nostra galassia. Tutto quello che finora si sa della Via Lattea si basa infatti su misure indirette e la mappa finora ottenuta su quella base era inevitabilmente incompleta.

Misurate oltre 2.400 stelle variabili

I ricercatori hanno misurato le oscillazioni nella luminosità di oltre 2.400 stelle variabili, molte delle quali identificate grazie al progetto Ogle (Optical Gravitational Lensing Experiment), che finora ha permesso di raddoppiare il numero delle Cefeidi finora note. Per ognuna delle stelle sono state calcolate le coordinate relative al Sole e l'insieme dei dati ha permesso di ottenere la mappa 3D della galassia.

Riferimenti