Mammografia addio, basta un test del sangue per la diagnosi precoce del tumore al seno

La procedura richiede solo poche gocce di sangue e si basa sul controllo di alcuni biomarcatori spia della presenza del tumore. Mentre uno studio danese basato sull’analisi metabolica predice il rischio di sviluppare la malattia già 5 anni prima

Mammografia addio, basta un test del sangue per la diagnosi precoce del tumore al seno
TiscaliNews

Un test del sangue sarà in grado di fornire una diagnosi del tumore al seno. La nuova scoperta destinata a rivoluzionare la medicina e la prevenzione in campo oncologico è opera di un team di ricerca di Heidelberg, di cui ha dato notizia in Germania la Bild. Il nuovo test, ritenuto "sensazionale" sarebbe in grado di fornire indicazioni "con lo stesso grado di probabilità di una mammografia".

Studio tedesco: biopsia liquida

La procedura richiede solo poche gocce di sangue e si basa sul controllo di alcuni biomarcatori spia della presenza del tumore. Gli scienziati spiegano di aver analizzato il sangue della donne malate di tumore e di aver rilevato la presenza di 15 diversi biomarcatori grazie ai quali è possibile diagnosticare la presenza dei tumori, anche più piccoli. Nello specifico, gli esperti spiegano che l’esame del sangue è basato su un’innovativa procedura di biopsia liquida in grado di identificare la presenza della malattia senza essere invasivo. “Il test del sangue sviluppato dal nostro team di ricerca è un modo nuovo e rivoluzionario per rilevare il cancro al seno in modo non invasivo e rapidamente utilizzando biomarker nel sangue. La procedura dovrebbe essere disponibile già quest'anno, dopo però la pubblicazione dello studio.

In attesa della valutazione

"Quanto il test sia sicuro nella prassi, si dovrà verificare in studi più ampi", hanno spiegato i ricercatori intervistati dal tabloid. "I nostri risultati si basano sui test a 650 donne, la metà delle quali era ammalata, l'altra no". Su 500 pazienti affetti da cancro al seno il test ha riconosciuto la malattia nel 75% dei casi. I risultati tuttavia non possono essere ancora giudicati. Secondo il centro tedesco di ricerca sul cancro (DKFZ) finora non è uscita alcuna valutazione dello studio su una rivista di settore. Per questa ragione il responsabile del Centro tedesco per la ricerca sul cancro si è astenuto dal commentare il test, dicendo che ogni valutazione sarebbe al momento solo una semplice speculazione.

Studio danese: l'analisi metabolica

Anche un team di ricercatori della Danimarca tenta la via del test del sangue per predire il rischio di cancro al seno nelle donne. Lo studio danese dal titolo “Forecasting individual breast cancer risk using plasma metabolomics and biocontours“ pubblicato sulla rivista Metabolomics sostiene, in effetti, che la rilevazione può anche essere fatta attraverso un semplice esame del sangue. Addirittura, lo stesso campione di sangue potrebbe anche prevedere la probabilità di sviluppare il cancro al seno in una periodo successivo, compreso tra due e cinque anni.

Meglio della mammografia

“Il metodo è migliore della mammografia, che invece risulta utile solo quando la malattia è già presente” assicura l’autore dello studio, Rasmus Bro,  Per sviluppare questo metodo, gli scienziati hanno analizzato campioni di sangue di 838 donne individuate tra da un panel di 57.053 uomini e donne arruolati da sani e seguiti per 20 anni, e delle quali 400 di loro hanno sviluppato il cancro al seno tra due e sette anni dopo il prelievo di sangue conservato dai ricercatori. Lo studio mostra una precisione dell’80% nel predire il cancro della mammella attraverso il campione di sangue quando invece la mammografia individua la presenza di un tumore con una precisione del 75%.

Tumore che colpisce anche gli uomini

Il dr. Lars Ove Dragsted, capo-team di ricerca e professore biomedicina presso il Dipartimento di Nutrizione dell’Università di Copenhagen, per questo studio ha adottato un metodo del tutto nuovo che non è ottenuto attraverso l’individuazione di un profilo di biomarcatori bensì con l’analisi metabolica nel sangue in base a livelli specifici e molteplici metaboliti.
L‘incidenza del tumore al seno in Italia, cioè il numero di donne colpite ogni anno, è molto elevata, la più alta di tutti i tipi di tumore: e del 29% nelle donne, ovvero quasi un tumore maligno su tre. E’ importante sottolineare che anche gli uomini si ammalano di cancro alla mammella: secondo il report “I numeri del cancro”preparato annualmente da AIRTUM (Registro Tumori) con l’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), in Italia si prevede che si ammaleranno di tumore della mammella circa 47 mila donne (4 diagnosi l’ora) e 1000 uomini.