Suoni misteriosi e inquietanti da Marte: la Nasa pubblica i file

A registrare questi rumori è stato un potentissimo sismometro installato all’interno di Insight il lander della Nasa atterrato lo scorso novembre con lo scopo di studiare la composizione interna del pianeta rosso

dida:
TiscaliNews

Suoni profondi e davvero inquietanti da Marte. E’ quanto ha captato Insight, il lander della Nasa atterrato lo scorso novembre con lo scopo di studiare la composizione interna del pianeta rosso. Ad annunciarlo sono stati i ricercatori dell’ agenzia spaziale americana spiegando che questi suoni sembrano provenire da due terremoti e da alcune raffiche di vento.

Il potentissimo sismometro

A registrare questi rumori iè stato un potentissimo sismometro chiamato Sismic Experiment for Interior Structure (Seis) installato all’interno di Insight . Lo strumento è capace di rilevare vibrazioni sul suolo di Marte con lo scopo di ascoltare i cosiddetti Marsquakes – cioè i terremoti marziani – tuttavia la sua sensibilità è talmente elevata da registrare vibrazioni riconducibili anche a brezze di vento.

Lo stratagemma

L’orecchio speciale di Insight ha rivelato suoni profondi e misteriosi provenienti dal cuore del Pianeta rosso, ma per renderli udibili a noi umani, sono stati elaborati e accelerati di circa 10 volte. Stando alle prime considerazioni degli esperti, la crosta di Marte sarebbe simile a quella della Terra e della Luna.

I precedenti

Non è la prima volta che Seis ascolta il suono del vento di Marte: lo scorso dicembre Insight ci aveva regalato per la prima volta un’incredibile audio del vento che soffiava su una valle marziana. E, lo scorso aprile, era riuscito a catturare per la prima volta un Marsquake, un terremoto proveniente dal cuore del pianeta rosso.

Le ricerche continuano

nsight continuerà nei prossimi mesi, e negli anni a venire, le ricerche sul suolo marziano, trasmettendo sul nostro pianeta tutti i dati. Marte è il quarto pianeta in ordine di distanza dal Sole, ed è anche visibile dalla Terra. Negli anni sono state numerose le missioni intraprese da varie nazioni per studiarne la composizione geologica (obiettivo di Insight), ma anche l'atmosfera e la superficie.