Scoperta una misteriosa fortezza Maya nascosta dalla giungla messicana

L'enigmatica struttura si trova nello Yucatan e fa parte dell’antica città di Kulubà

TiscaliNews

Un gruppo di archeologi ha scoperto una misteriosa fortezza Maya, costruita presumibilmente oltre 1000 anni fa, nelle vicinanze di Tizimín, nel nordest della penisola dello Yucatan, a circa 160 km da Cancun. Si tratta di un sontuoso palazzo, ormai avvolto dalla giungla, che gli esperti sostengono esser stato edificato in Messico dalla civiltà Maya. La struttura, fanno sapere gli archeologi dell’Istituto nazionale messicano di Antropologia e storia (Inah), fa parte dell’antica città di Kulubà ed è parte di un sito archeologico noto dal 1939.

Archeologi lavorano a Kuluba - Foto INAH

La fortezza, lunga 55 metri, è composta da almeno sei stanze. Adiacenti alla struttura sono stati scoperti anche i resti di un sito di sepoltura. Tutta l’area, evidenziano i ricercatori, doveva essere abitata tra il 600  e il 1050 dopo Cristo. Ma non è tutto. Accanto alla struttura, appartenuta alle élite della civiltà precolombiana, hanno rinvenuto anche un altare, un forno e i resti di due abitazioni. Il rinvenimento del palazzo permetterà di approfondire lo stile architettonico di Kulubà, su cui gli archeologici sanno ancora poco. L’obiettivo è riportare il sito all’antico splendore, rendendolo accessibile al pubblico.

Alfredo Barrera Rubio, responsabile del team di archeologi dell'Inah, autori della scoperta, ha evidenziato che l’area è interessata da lavori di restauro che saranno ultimati a marzo del 2020. Grazie al sostegno del governo dello Yucatán, l'Inah spera che il sito archeologico possa presto aprire al pubblico. "Questo lavoro - spiega comunque Barrera - è soltanto l'inizio". Il sito archeologico di Kulubá potrebbe aiutare a ricostruire la storia dei Maya e avere un vasto impatto turistico, grazie anche alla bellezza della giungla, che sarà riforestata e abbellita.