Le scie chimiche? Una bufala colossale: tutta la verità in uno studio

TiscaliNews

Cospirazione, manipolazioni o esperimenti batteriologici? Le "scie chimiche" non sarebbero niente di tutto ciò, quanto piuttosto una grande bufala. A smentire la leggenda metropolitana secondo cui le organizzazioni governative o i governi stessi 'spruzzino' segretamente delle sostanze chimiche nel cielo tramite gli aerei è uno studio realizzato dalla 'University of California, Irvine' e pubblicato su una rivista scientifica. Per i ricercatori, scrive Science Alert, le cosidette 'scie chimiche' nel cielo non sarebbero altro che vapore acqueo, note anche come scie di condensazione, ossia il risultato della condensa del vapore acqueo e il congelamento intorno ai residui dei gas di scarico degli aerei. Nonostante la mancanza di prove concrete sull'esistenze delle cosiddette 'scie chimiche', la teoria della cospirazione torna spesso alla ribalta, suggerendo che si tratti di qualcosa di più sinistro.

La verità sulle scie chimiche

Molte persone sono convinte infatti che le "scie chimiche" siano causate dalle grandi industrie o dai governi stessi che "spruzzano" segretamente sostanze chimiche nell'atmosfera: "Abbiamo voluto stabilire un record scientifico sul tema - ha detto Steven Davis, uno dei ricercatori della University of California, Irvine - indirizzato a quelli che non hanno ancora capito di cosa si tratti". Per spiegare il fenomeno, il team di studiosi ha mostrato quattro immagini, tra le più note tra i sostenitori della cospirazione delle scie chimiche, a 77 specialisti nel settore geochimico e atmosferico; 76 di loro hanno detto che nelle loro ricerche non hanno mai trovato la prova che esistessero manipolazioni, ma solo di aver trovato "alti livelli di bario" in una zona con poco bario nel terreno, un elemento comunque non pericoloso.

Lo studio non cambierà il parere dei sostenitori del complotto

"Sentivo che era importante mostrare definitivamente quello che pensano i veri esperti delle scie di condensazione - ha detto Ken Caldeira del Carnegie Institution for Science - potremmo non convincere i complottisti che la loro è una fantasia paranoica, ma speriamo che i loro amici accettino la realtà dei fatti". Il team ha ammesso che, probabilmente, la loro ricerca non cambierà il parere di chi crede già nel fenomeno delle scie ma spera che, fornendo uno studio scientifico in materia, chi ancora non conosce l'argomento possa trovare un'opinione oggettiva. "Se ci sono più scie negli ultimi anni - ha concluso Caldeira - è solo perché sono aumentati gli aerei e la persistenza delle scie nei cieli è dovuta ai cambiamenti climatici".