Tiscali.it
SEGUICI

Create delle piante ibride in grado di generare grandi quantità di elettricità

Ognuna delle foglie è in grado di produrre 150 Volt sufficiente per accendere simultaneamente 100 lampadine a Led

TiscaliNews   
Create delle piante ibride in grado di generare grandi quantità di elettricità

Un piccolo movimento come quello provocato dal vento e le foglie diventano generatori di elettricità: il risultato, ottenuto in Italia, apre la strada a una nuova fonte di energia in sintonia con l'ambiente e nello stesso tempo ad una tecnologia nella quale elementi naturali e artificiali collaborano a creare un'inedita generazione di robot. Descritte nella rivista Advanced Functional Materials, le piante ibride capaci di accendere delle lampade a Led sono state sviluppate nel Centro di Micro-Bio Robotica (Cmbr) dell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) a Pontedera (Pisa). Ognuna delle foglie, evidenziano gli scienziati, è in grado di generare un'energia pari a 150 Volt, sufficiente per accendere simultaneamente 100 lampadine a Led.

La scoperta italiana

"Tutto è cominciato per caso - ha detto Barbara Mazzolai, che nel 2015 è stata fra le 25 donne geniali della robotica per avere ideato i primi robot pianta. Oggi coordina l'esperimento sulle piante ibride insieme a Fabian Meder -. Stavamo sviluppando delle foglie artificiali per generare energia dal vento nell'ambito di un progetto finanziato dalla Regione Toscana, quando - ha detto ancora Mazzolai - con il collega ci siamo accorti che anche stimolando le piante vere si propagava al loro interno energia meccanica che veniva trasformata in energia elettrica".

Un risultato importantissimo

I ricercatori hanno ricostruito i meccanismi naturali grazie ai quali le foglie che hanno una particolare struttura riescono a produrre energia elettrica convertendo le forze meccaniche applicate alla loro superficie, come la pressione esercitata dal vento. Se e come le piante sfruttino l'elettricità che producono non è ancora noto, ma accorgersi di questo meccanismo ha permesso di riprodurlo. Si è visto così che le cariche elettriche vengono raccolte sulla superficie delle foglie per mezzo del processo chiamato "elettrificazione a contatto", nel quale le cariche elettriche vengono trasmesse dalla superficie al tessuto vegetale interno che, come un cavo, trasporta l'elettricità nel resto della pianta. L'elettricità viene quindi trasferita all'esterno della pianta collegando allo stelo una sorta di presa elettrica.

Via ai prossimi progetti

Lo stesso meccanismo ha permesso di ottenere il primo albero-generatore di elettricità, un Oleandro Nerum, nel quale le foglie artificiali, toccando quelle naturali, attivano la generazione di elettricità della pianta. In presenza di vento, quindi, l'albero ibrido produce elettricità e questa prodotta aumenta quanto più le foglie vengono toccate. Dall'unione di piante e tecnologia sono in arrivo altre sorprese. Nel gennaio 2019, per esempio, partirà il progetto europeo Grow Bot, che punta a ottenere piante rampicanti capaci di crescere in modo autonomo per esplorare ambienti nuovi, zone archeologiche o aree colpite da disastri, oppure pianeti.

TiscaliNews   

I più recenti

Spazio, la Cina si prepara a lanciare un nuovo equipaggio sulla Tiangong
Spazio, la Cina si prepara a lanciare un nuovo equipaggio sulla Tiangong
TikTok, nuova procedura Ue: nel mirino TikTok Lite e Reward Program
TikTok, nuova procedura Ue: nel mirino TikTok Lite e Reward Program
Gli Hoppers, i nuovi astronauti dell'Esa hanno conquistato le ali spaziali
Gli Hoppers, i nuovi astronauti dell'Esa hanno conquistato le ali spaziali
Olimpiadi 2024, Bach: Il Cio utilizzerà AI in modo responsabile
Olimpiadi 2024, Bach: Il Cio utilizzerà AI in modo responsabile

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...