Facta, tecnologia che raddoppia la vita delle valvole cardiache

di Askanews

Roma, 16 set. (askanews) - Una tecnologia tutta Made in Italy che permette di raddoppiare la vita delle valvole cardiache biologiche. A sviluppare la ricetta è stata Bci, l'impresa innovativa guidata da Alessandro Gandaglia, Filippo Naso e Ugo Stefanelli.Il team di ricercatori ha sviluppato il metodo Facta, un brevetto sul quale ora si è concentrata l'attenzione di grandi aziende americane e cinesi che producono valvole cardiache.Alla base del procedimento messo a punto dai ricercatori padovani c'è l'inattivazione della molecola alpha-Gal, quella che scatena le reazioni avverse nelle attuali protesi valvolari di origine animale. Calcificazioni che si presentano nel 50% delle valvole e portano alla sostituzione mediamente dopo 10-12 anni dall'impianto.Con il metodo Facta, invece, i tempi raddoppiano. Con beneficio in primis per la salute dei pazienti, ma anche per il sistema sanitario pubblico: la spesa complessiva annuale per la gestione di pazienti con protesi valvolari cardiache è di circa 14 miliardi di dollari a livello mondiale.