Per oltre 30mila anni ibernato nel permafrost, scoperto in Canada un cucciolo di mammut lanoso mummificato

Il corpo, perfettamente conservato, è stato ritrovato da alcuni minatori nei giacimenti d’oro del Klondike, nel territorio dello Yukan

Foto postata da @WaterSHEDLab
Foto postata da @WaterSHEDLab
TiscaliNews

Un gruppo di minatori canadesi, impegnati in un giacimento d’oro del Klondike, nello Yukan, hanno rinvenuto nel permafrost il corpo perfettamente mummificato di un cucciolo di mammut lanoso (Mammuthus primigenius). A detta degli scienziati, accorsi numerosi sul posto, si tratterebbe dell’esemplare “più completo e meglio conservato” fino ad oggi rinvenuto nel Nuovo Mondo. L‘esemplare, una femmina giovanissima, risulta esser integro in ogni sua parte, pelle e peluria del manto compresa.

Foto Yukon Beringia Interpretive Centre

Per i paleontologi dello Yukon Geological Survey e dell’Università di Calgary, che hanno avuto modo di analizzare per primi l’animale, l’esemplare di mammut sarebbe morto circa 30mila anni fa, nell’era della glaciazione. Il corpo avrebbe subito pochissimi danni, perché protetto dal permafrost. Il mammut, a cui sarebbe stato dato il nome “Nun cho ga”, che significherebbe “Piccolo grande animale”, avrebbe le medesime dimensioni del mammut lanoso Lyuba, scoperto in Siberia nel 2007: da quest’ultimo risulterebbe soltanto più giovane di circa 12 mila anni.

“Come paleontologo - ha commentato Grant Zazula - ho sempre sognato di trovarmi faccia a faccia con un vero mammut lanoso. Quel sogno oggi si è finalmente avverato. Nun cho ga è bellissima: è uno degli animali mummificati risalenti all’era glaciale più incredibili mai scoperti al mondo. Sono entusiasta”.

Riferimenti