Creato un depuratore d'acqua “passivo”: funziona con il Sole. Depura quella inquinata e desalinizza quella di mare

Assorbe calore dai raggi solari e trasforma l’acqua in vapore producendo così acqua purissima

Creato un depuratore d'acqua “passivo”: funziona con il Sole. Depura quella inquinata e desalinizza quella di mare
TiscaliNews

Ottenuto un depuratore d'acqua che funziona con la luce del Sole e non entra in contatto con l'acqua. Depura quella inquinata, o desalinizza l'acqua di mare grazie a un materiale che assorbe calore e che si riscalda con il Sole per generare vapore che, una volta condensato, produce acqua potabile. Descritto sulla rivista Nature Communications, il dispositivo è stato messo a punto dai ricercatori coordinati da Thomas Cooper, della canadese York University, e Gang Chen, dell'americano Massachusetts Institute of Technology (Mit).

Un sistema completamente passivo

"È un sistema completamente passivo perché per funzionare va semplicemente lasciato fuori, in modo da assorbire la luce solare", rileva Cooper. Potrebbe essere utilizzato, ha aggiunto, "in regioni remote, per generare abbastanza acqua potabile per una famiglia, o per produrre vapore utile a sterilizzare attrezzature per una sala operatoria". Grande quanto un tablet, il dispositivo si monta su un contenitore pieno d'acqua ed è strutturato come un sandwich: lo strato superiore è costituito da un materiale che assorbe il calore del Sole, perché è fatto di un mix di ceramica e metallo, mentre lo strato inferiore trasmette il calore all'acqua sottostante perché è ricoperto di una vernice nera che emette luce infrarossa.

Un sistema efficiente

L'acqua posta sotto il dispositivo assorbe la luce a infrarossi e una volta raggiunto il punto di ebollizione, cioè 100 gradi, rilascia vapore che viene incanalato in un tubicino dove si condensa e diventa acqua che può essere raccolta. La mancanza di contatto evita la contaminazione e consente di generare acqua pulita in modo efficace. E' l'utilizzo "ingegnoso" di diversi materiali, secondo Cooper, e il modo in cui sono organizzati "ci consente di raggiungere un'efficienza di funzionamento ragionevolmente elevata, evitando che il dispositivo entri in contatto con l'acqua".

Riferimenti