Tiscali.it
SEGUICI

Il pianeta impossibile esiste, messe in discussione tutte le teorie sulla formazione dei giganti gassosi

E’ troppo grande rispetto alla sua stella, eppure è stato individuato per la prima volta dal telescopio spaziale Tess della Nasa e la sua scoperta è stata poi confermata da diversi osservatori a terra

TiscaliNews   
nana rossa TOI-5205 e dal suo pianeta TOI-5205b
La strana coppia formata dalla nana rossa TOI-5205 e dal suo pianeta TOI-5205b (Ansa)

Non dovrebbe esistere eppure il pianeta "impossibile"  è stato "visto" dal telescopio spaziale Tess della Nasa. E' troppo grande rispetto alla sua stella e per questo la sua esistenza sta mettendo in discussione le attuali teorie sulla formazione dei giganti gassosi. Ha dimensioni simili a Giove e la sua scoperta è stata confermata anche da diversi osservatori a terra, in uno studio guidato dall’americana Carnegie Institution e pubblicato sulla rivista The Astronomical Journal.

La strana coppia

La coppia, formata dalla nana rossa TOI-5205 e dal suo pianeta TOI-5205b, è davvero male assortita ma costituisce un perfetto soggetto per osservazioni più approfondite da parte del telescopio spaziale James Webb, delle agenzie spaziali di Stati Uniti (Nasa), Europa (Esa) e Canada (Csa), che potrebbe offrire indizi sul mistero della sua formazione. Le nane rosse, più piccole e fredde del nostro Sole, sono le stelle più comuni della Via Lattea. Sebbene ospitino, in media, un numero maggiore di pianeti rispetto ad altri tipi di stelle più massicci, le modalità con cui si formano le rendono candidate molto improbabili per ospitare pianeti gassosi giganti.

Il pianeta impossibile esiste

TOI-5205 è solo quattro volte più grande di Giove – commenta Shubham Kanodia che ha guidato lo studio – eppure in qualche modo è riuscita a formare un pianeta delle dimensioni di Giove, è davvero sorprendente”. I pianeti nascono nel disco di gas e polvere che circonda le giovani stelle.

La teoria messa in discussione

La teoria sulla formazione dei pianeti gassosi richiede che circa dieci masse terrestri di materiale roccioso si accumulino a formare il nucleo, attorno al quale si addensano poi grandi quantità di gas. In questo processo, però, il tempismo è fondamentale. “All’inizio, se non c’è abbastanza materiale roccioso intorno alla stella, il pianeta non si formerà”, spiega Kanodia. “E lo stesso accade se, nella fase finale, il disco evapora troppo presto. Eppure, TOI-5205b è riuscito a nascere nonostante queste limitazioni: se ci basiamo sulle conoscenze attuali – aggiunge il ricercatore – questo pianeta non dovrebbe esistere”.

 

 

TiscaliNews   

I più recenti

Roll out notturno per la navetta spaziale Starliner di Boeing
Roll out notturno per la navetta spaziale Starliner di Boeing
Sanità digitale a un punto di svolta, le sfide secondo Philips
Sanità digitale a un punto di svolta, le sfide secondo Philips
È morto a 94 anni il fisico Peter Higgs, scoprì la particella di Dio
È morto a 94 anni il fisico Peter Higgs, scoprì la particella di Dio
È morto a 94 anni il fisico Peter Higgs, scoprì la particella di Dio
È morto a 94 anni il fisico Peter Higgs, scoprì la particella di Dio

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...