Casa smart e su misura grazie all'Internet delle cose. Prime prove di futuro al Politecnico di Milano

Il trend è costruire una casa intelligente usando componenti sviluppati anche da produttori diversi ma poi integrati in un unico ecosistema cucito su misura

Casa smart e su misura grazie all'Internet delle cose. Prime prove di futuro al Politecnico di Milano
TiscaliNews

Nel bel mezzo dell'agognata giornata al mare, una notifica sullo smartphone: c'è una perdita d'acqua in casa. L'hanno segnalata le videocamere di sorveglianza, che appena rilevato il guasto hanno provveduto a far partire la chiamata d'emergenza all'idraulico. Basta un clic sul telefonino, stando comodamente sotto l'ombrellone, per aprirgli da remoto la porta e accendere le luci. Una discussione tramite l'assistente vocale sul prezzo della prestazione del tecnico e, una volta uscito, le finestre e le imposte si richiudono automaticamente se le previsioni meteo danno un temporale in arrivo.

La casa del futuro

Tutto è già realtà grazie all'Internet delle cose: lo si può toccare con mano grazie ai risultati del progetto Open Lab Smart Home promosso dal laboratorio IoTLab del Politecnico di Milano: realizzato in collaborazione con i principali attori del mercato 'smart home' (come Bticino, Epta, Ezviz, Gewiss, Signify, SoloMio, Beeta by Tera, Vimar e V by Vodafone), dimostra che dispositivi ed elettrodomestici smart già disponibili sul mercato possono imparare la stessa 'lingua' per comunicare e interagire fra loro, rendendo l'abitazione intelligente e personalizzabile proprio come uno smartphone.

Un passo avanti rispetto ai sistemi domotici del passato, "chiusi e limitati nei servizi predeterminati dal produttore", spiega il responsabile di IoTLab Antonio Capone, professore ordinario di telecomunicazioni al Politecnico. "Ora il paradigma è cambiato: il trend è costruire una casa intelligente usando componenti sviluppati anche da produttori diversi ma poi integrati in un unico ecosistema cucito su misura in base alle esigenze dell'utente, come uno smartphone con tante app personalizzabili".

Come funziona

Lo stesso telefonino non è più una semplice interfaccia per comandare i dispositivi, ma un sensore che permette di attivarli o disattivarli a distanza in maniera automatica, senza dover agire attraverso il suo schermo touchscreen: può per esempio segnalare la nostra presenza entro un raggio di 500 metri dalla casa, in una sorta di Google maps degli elettrodomestici, facendo accendere a distanza il climatizzatore o il riscaldamento per farci trovare la temperatura ideale al nostro arrivo.

Il segreto della smart home

I ricercatori del Politecnico lo hanno dimostrato sviluppando piattaforme software di integrazione e protocolli di comunicazione capaci di creare un ecosistema integrato, dove dispositivi ed elettrodomestici di produttori diversi riescono a parlarsi direttamente via radio o wireless, attraverso i server nel cloud e ancora mediante interfacce evolute come gli assistenti vocali. "Se l'integrazione è forte, la casa è più protetta dal rischio di intrusioni e attacchi informatici - evidenzia Capone - e avendo più operatori che gestiscono i dati, invece di un monopolista in posizione dominante, l'utente è anche più forte nel difendere la propria privacy".