Alla scoperta degli e-sports, con Atleta League 14mila iscritti

di Askanews

Roma, 25 mar. (askanews) - In Italia hanno preso piede da alcuni mesi. Ma gli e-sports si stanno sempre più affermando. Anche grazie alla prima edizione di Atleta League, il torneo di sport elettronici - ideato da Atletanews.sport, testata giornalistica sportiva edita da GECA Pubblicazioni, e organizzato in collaborazione con MCES Italia.Uno dei vincitori del torneo, Francesco Nordio (in arte "ryujin"): "Oramai sono abbastanza vecchio nel settore: ci sto credendo da un bel po' di anni. sono contento che finalmente sta spopolando anche in Italia, da questo punto di vista all'estero sono molto più avanti di voi. Infatti in tanti paesi sono considerati veri sport, e ci sono Paesi che investono soldi dello stato per formare persone nel settore, mentre in Italia ci stiamo avvicinando ora"."E' stata un'esperienza positiva perché per la prima volta è stato aperto a settore non professionistico".La prima edizione di Atleta League ha segnato un record: più di 14mila giocatori iscritti, infatti, ne hanno fatto il torneo italiano di e-sport più partecipato di sempre. Nove tornei diversi, sotto una lega: migliaia di videogiocatori amatoriali su un'unica scena competitiva nazionale."L'e-sports dà grandi opportunità lavorative. Ma in Italia non è ben vista questa cosa: se mi alleno 6 ore al giorno al pc non va bene, mentre 6 ore in palestra va bene. Perché siamo chiusi di mentalità, mentre l'e-sports dà tanta visibilità".Sul "campo virtuale" anche i migliori caster, ovvero i commentatori, del panorama Nazionale per raccontare le finali dell'Atleta League.Tra loro anche Emanuele Divella, in arte "Revilvage": "Non capisci l'e-sports finché non lo vedi. Non è che c'è la gente che si picchia su Supermario. E-sports ti permette di competere ad altissimo livello. Non hai il fattore movimento, ma sono come gli scacchi: usi mani e intelligenza.Nella prima edizione di Atleta League si sono svolti tornei di Fortnite, il battle royale più giocato del momento, a cui si sono iscritti più di 3600 players; FIFA21, nella modalità Fifa Ultimate Team per Ps4 e Xbox, oltre che in ProClub; Call of Duty Warzone, lo sparatutto a squadre tra i più giocati in Italia; League of Legends, i padre di tutti gli esport, in cui 70 squadre diverse si sono date battaglia per vincere il torneo dell Atleta League. Questi, oltre a tanti altri: Brawl Stars, PlayerUnknown's Battlegrounds e PES2021. Tante sfide che mettevano in palio premi da veri gamer: PC Alienware di ultima generazione, iPhone, Xbox series x, le introvabili Playstation 5.