Scoperte nel cervello le mappe del tempo: così la mente crea la linea temporale del passato

E' quanto suggeriscono i risultati di uno studio che ha unito neuroscienze e matematica, sviluppando una teoria che potrebbe estendersi anche ad altri domini della cognizione

Scoperte nel cervello le mappe del tempo: così la mente crea la linea temporale del passato
TiscaliNews

Trovata nel cervello le mappe del tempo che permettono di percepire il trascorrere di minuti, giorni e anni. A generarle è l'area che si chiama corteccia supplementare motoria e il meccanismo è descritto per la prima volta sulla rivista Plos Biology dalla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa) di Trieste. Coordinati da Domenica Bueti, i ricercatori hanno scoperto che nella regione del cervello diverse porzioni vengono attivate da stimoli di diversa durata: le zone anteriori per le durate più brevi, le parti posteriori per i periodi più lunghi. "Per la prima volta si è capito, nell'uomo, come il nostro cervello decodifica il passare del tempo", ha osservato Bueti.

Luce sulle capacità della corteccia supplementare motoria

Finora era noto che la corteccia supplementare motoria fosse coinvolta nella percezione del tempo, ma non si aveva idea di come funzionasse. La percezione del tempo si avvale di due elementi: l'organizzazione della corteccia supplementare motoria, in cui le parti che rispondono a durate simili sono spazialmente vicine, e la selettività. "Alcune porzioni dell'area - aggiunge Bueti - rispondono solo ad una certa durata. Così quella che risponde ad uno stimolo brevissimo, per esempio 200 millisecondi, si attiva con uno stimolo simile di 400 millisecondi ma non per uno diverso di 3 secondi". Inoltre la qualità delle mappe è legata alla percezione del tempo: più accurata e precisa è la percezione, migliore è la mappa registrata.

Ancora molti misteri da chiarire

Per arrivare a questo risultato sono stati monitorati con la risonanza magnetica due gruppi di volontari sani, che dovevano selezionare alcune immagini in successione sullo schermo di un computer per diverse durate, e dire quale delle due immagini era stata presentata per più tempo. I ricercatori vogliono ora capire qual è il tempo che hanno mappato, se cioè quello fisico della durata degli stimoli sullo schermo, o quello percepito dal volontario, e anche se la mappa è innata, o è il frutto dell'esperienza e dell'educazione.

Riferimenti