Pronta la prima mano stampata in 3D: costerà quanto uno scooter

Codice da incorporare:
TiscaliNews

E' pronta la prima mano artificiale stampata in 3D, e' robusta e leggera ed ha affrontato con successo i primi test sull'uomo. Presentata a Roma, è stata realizzata nell'ambito dell'accordo firmato nel dicembre 2013 da Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) e Inail per lo sviluppo di protesi tecnologicamente avanzate e con investimenti congiunti complessivi pari a 11,5 milioni di euro. Potrà essere in commercio entro il 2017.

''La mano costerà come uno scooter'' e la commercializzazione avverrà nell'ambito di una start up, che sta nascendo nell'ambito dell'Iit., ha detto il direttore scientifico dell'Iit, Roberto Cingolani, nell'evento organizzato a Roma per presentare la mano robotica e al quale hanno partecipato i ministri della Salute, Beatrice Lorenzin, e del Lavoro, Giuliano Poletti, e il presidente dell'Inail, Massimo De Felice.

''E' una mano 'vera' e semplice da utilizzare, anche se è il risultato di una tecnologia complessa'', ha osservato il 'padre' del progetto, Antonio Bicchi, direttore del centro ricerche 'Piaggio' dell'università di Pisa.

Realizzata in materiale plastico con alcune componenti metalliche, la mano artificiale è robusta, leggera e flessibile. Un tendine artificiale permette di riprodurre i movimenti naturali, mentre due sensori catturano i segnali naturali dei muscoli residui. ''Oltre alla mano - ha detto il direttore generale dell'Iit, Simone Ungaro - sono in arrivo nel 2017 esoscheletri per le gambe e, nel 2016, una piattaforma che funziona come una sorta di fisioterapista robotico, in via di sperimentazione in collaborazione con squadre di calcio''.