Paolo Nespoli prossimo italiano sulla Iss: "I social mi hanno aiutato a vincere isolamento"

Raggiante il nostro astronauta: ''A bordo farò il meccanico, l'elettricista e il gruista spaziale e se ci sarà pssbilità di fare esperimenti a bordo sarò onorato''.

Codice da incorporare:
TiscaliNews

E' un veterano dello spazio, ma l'entusiasmo è ancora quello della sua prima volta tra le stelle: Paolo Nespoli si prepara ad affrontare la terza missione, che avverrà quando avrà compito da poco 60 anni. Nel maggio del 2017 sara' lui infatti a volare sulla Stazione Spaziale Internazionale, l'Iss, per una missione che prevede sei mesi di permanenza. ''Sono un ingegnere, ma non ho mai smesso di sognare'', ha sempre tenuto a dire l'astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), ed è difficile cogliere il confine tra sogno e realtà per chi, come lui, è stato testimone di momenti salienti della storia spaziale: dalla ripresa della costruzione della stazione orbitale all'uscita di scena dello Shuttle, alla celebrazione tra le stelle dei 50 anni dal primo volo di Gagarin.

"Onorato di volare con la bandiera italiana" - Non dimostra affatto la sua età ed è forse per questo che per Nespoli ''volare a 60 anni non è un record'', ed è sicuro che una volta terminata la missione ricomincerà a pensare ''a che cosa fare da grande''. Nespoli volerà grazie all'accordo bilaterale firmato dall'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e Nasa. I dettagli scientifici della sua missione saranno definiti solo fra un anno, ma quello che è certo fin da adesso, ha aggiunto, è che ''a bordo farò il meccanico, l'elettricista e il gruista spaziale e se ci sarà pssbilità di fare esperimenti a bordo sarò onorato''.

I social -  Un aiuto fondamentale per vincere l'isolamento e un mezzo senza precedenti per comunicare a tutti che cos'è l'esplorazione spaziale: vede così i social media, Twitter innanzitutto, l'astronauta Paolo Nespoli, che nel 2010 ha fatto da apripista in questo campo nella sua missione MagISStra. ''All'inizio ero titubante, ma poi utilizzare i social media dallo spazio è stata un'esperienza eccezionale'', ha detto Nespoli nella conferenza stampa di presentazione della sua prossima missione, organizzata da Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e da Agenzia Spaziale Europea (Esa). Tramite Twitter @astroPaolo ha inviato a Terra immagini spettacolari, seguito negli anni successivi da moltissimi colleghi.

Chi è - Nato a Milano il 6 aprile 1957, Paolo Nespoli è cresciuto a Verano Brianza (Milano), si è laureato a Firenze in ingegneria meccanica e poi in ingegneria aerospaziale a New York. E' stato istruttore alla Scuola Militare di Paracadutismo di Pisa e poi incursore del battaglione d'assalto Col Moschin. Quella di Paolo Nespoli è una storia di successi, arrivati l'uno dopo l'altro al termine di una lunghissima attesa.

La sua storia di astronauta - E' cominciata 26 anni fa, quando nel 1989 era stato selezionato fra gli otto candidati astronauti dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e quindi nel corpo astronauti dell'Esa. Appassionato di informatica, immersioni subacquee e volo (ha un brevetto per pilotare aerei da turismo), Nespoli ha lavorato dal 1991 all'addestramento degli astronauti europei presso il centro dell'Esa a Colonia e poi alla preparazione dei computer di bordo della vecchia stazione spaziale russa Mir.

Il primo volo - Soltanto nel 1998 è stato ammesso al corso di addestramento nel centro spaziale Johnson della Nasa, a Houston, insieme ad un altro astronauta italiano, Roberto Vittori.Tuttavia l'attesa del volo è stata ancora molto lunga a causa del blocco dei voli dello Shuttle dopo la tragedia del Columbia: soltanto nel 2007 per Nespoli è arrivata la prima missione, Esperia. Una missione importante, che ha segnato la ripresa dei lavori per l'ampliamento della Stazione Spaziale Internazionale con l'installazione del Nodo 2, la struttura costruita dall'Italia, con la Thales Alenia Space, e alla quale sono stati collegato il laboratorio europeo Columbus e quello giapponese Kibo.

E' stata da record anche la sua seconda missione, MagISStra - la prima di sei mesi mai affrontata da un italiano e che per la prima volta ha visto due italiani sulla Stazione Spaziale, quando Roberto Vittori è arrivato a bordo. E' stata anche la prima volta di due gemelli tra le stelle: gli stessi Scott e Mark Kelly oggi protagonisti di una missione unica della durata di un anno, e infine è stato installato il piu' grande strumento scientifico della Iss, il cacciatore di antimateria Ams (Alpha Magnetic Spectrometer).