Tiscali.it
SEGUICI

Nelle grotte del sottosuolo lunare le future basi per i coloni umani nello spazio

L’Agenzia spaziale europea lancia una sfida planetaria, affinché chi ha delle idee possa dare un proprio contributo alle prossime missioni che daranno il via all’esplorazione del Sistema Solare

Roberto Zoncadi Roberto Zonca   
Nelle grotte del sottosuolo lunare le future basi per i coloni umani nello spazio

Ormai i piani delle agenzie spaziali sono chiari per tutti. Entro i prossimi anni l’uomo dovrà conquistare la Luna, così che la si possa utilizzare come base, e porto, per dare il via a quella che può essere considerata una nuova era delle esplorazioni umane. Le nuove sfide che si pongono dinanzi alla nostra specie prevedono la conquista del nostro satellite prima, e poi anche la conquista degli altri pianeti del Sistema Solare, perlomeno quelli più interessanti. Sfide certamente non facili, che richiedono una grande immaginazione e tante risorse.

Mentre le seconde ricadranno integralmente sugli enti governativi, e su una moltitudine di società private, la condizione prima sarà demandata ai singoli cittadini, che potranno presentare dei progetti che verranno analizzati e, qualora risultassero tecnicamente fattibili, portati avanti dai diversi gruppi di lavoro. Mentre l’agenzia spaziale statunitense sembra interessata principalmente alla conquista della superficie della Luna, la sua controparte europea, l’Agenzia spaziale europea (ESA), ha fatto sapere di voler puntare sul sottosuolo.

La Luna, infatti, è come una gigantesca forma di gruviera. Il sottosuolo del nostro satellite è caratterizzato da una fitta rete di cunicoli, vecchi tubi lavici oramai completamente prosciugati. Per esplorarli la soluzione più economica, e sicura, è rappresentata dai robot. "L'esplorazione e la mappatura di questi tubi - afferma Franceso Sauro, direttore del progetto ESA denominato Pangaea planetary geology astronaut training - potrebbe fornire nuove informazioni sulla geologia della Luna, ma potrebbero rappresentare anche un'opzione interessante come rifugio a lungo termine per i futuri visitatori umani”. Questi cunicoli, infatti, potrebbero infatti “proteggere gli astronauti dalle radiazioni cosmiche e fornire un accesso diretto all’acqua ghiacciata e ad altre risorse intrappolate nel sottosuolo”.

Chi avesse in mente dei progetti può proporli all’agenzia, che descrive comunque dei concetti base che andrebbero sfruttati e seguiti, può presentarli all’Esa entro il prossimo 31 ottobre, attraverso la piattaforma Open Space Innovation. "I concetti di missione – aggiunge Loredana Bessone, a capo del progetto ESA denominato Analog field testing and exploration training - possono essere basati su un singolo rover o su un sistema distribuito di sistemi satellitari, robotici o rover che operano insieme". Benché la Nasa, per il momento, non abbia espresso alcun interesse in relazione all’esplorazione del sottosuolo, non è da escludere che possa seguire l’Esa avviando lei stessa dei progetti similari.

Riferimenti
Roberto Zoncadi Roberto Zonca   

I più recenti

Spazio, gli Stati Uniti tornano sulla Luna dopo più di 50 anni
Spazio, gli Stati Uniti tornano sulla Luna dopo più di 50 anni
Spazio, arrivata in Guyana francese la nave con stadi Ariane6
Spazio, arrivata in Guyana francese la nave con stadi Ariane6

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...