Ebola: il vaccino canadese è efficace al 100%. Oms: "Risultati entusiasmanti"

L'Oms ha anticipato in una conferenza stampa i risultati preliminari dei test clinici in Guinea ma la ricerca continua per avere evidenze più forti sull'efficacia

Ebola: il vaccino canadese è efficace al 100%. Oms: 'Risultati entusiasmanti'
TiscaliNews

Nonostante gli errori, le discussioni accademiche che hanno portato a enormi ritardi e le difficoltà nel fare in pochi mesi ciò che normalmente richiede una decina d'anni, un vaccino per Ebola sembra essere efficace al 100% e potrà contribuire a mettere la parola fine all'epidemia in corso in Africa Occidentale. Ad affermarlo, con un ottimismo che ha pochi precedenti, è l'Oms, che ha anticipato in una conferenza stampa i risultati preliminari dei test clinici in Guinea. "Il mondo è sul punto di avere un vaccino per Ebola", ha affermato Marie-Paule Kieny, assistente del direttore generale dell'Oms, pur ricordando che il test continua per avere evidenze più forti sull'efficacia.

Il test è stato condotto con il vaccino Vsv-Ebov scoperto dal National Institute of Health canadese e ora sviluppato dalla multinazionale Merck Sharp and Dohme. I risultati preliminari, pubblicati su Lancet, mostrano una protezione completa per gli oltre duemila vaccinati, mentre nel gruppo di controllo, di oltre 3mila persone ci sono stati 16 casi. "Per il test sono stati creati degli 'anelli di protezione' vaccinando i contatti di pazienti noti e i loro contatti - ha spiegato l'esperta -. ad alcuni anelli veniva poi assegnata la vaccinazione subito, mentre gli altri l'avevano dopo 21 giorni. Nel primo gruppo, fatta eccezione per persone che erano già infette al momento della vaccinazione, non ci sono stati casi, mentre nel secondo ne abbiamo avuti 16".

I risultati sono così buoni che una commissione indipendente ha consigliato di interrompere il test estendendo a tutti gli 'anelli' già reclutati la vaccinazione immediata, e di iniziare a pensare a un nuovo test che coinvolga anche i bambini, finora tenuti fuori.

Anche Medici senza Frontiere, che ha partecipato alla sperimentazione, ha auspicato che il vaccino venga usato subito anche in tutti gli altri paesi colpiti da questa epidemia. "Questo sviluppo è estremamente promettente - ha aggiunto il segretario generale dell'Oms Margaret Chan -. Un vaccino efficace sarà uno strumento molto importante per questa e per le future epidemie". Il vaccino 'canadese', hanno affermato gli esperti dell'Oms, probabilmente sarà l'unico a raggiungere dei risultati significativi.

I test in corso su un'altra formulazione, messa a punto dall'italiana Okairos, si sono scontrati con la diminuzione dei casi che c'è stata soprattutto in Liberia dall'inizio dell'anno, e non hanno raggiunto la 'massa critica' necessaria a poter trarre conclusioni. La scorsa settimana si sono avuti solo 7 nuovi casi della malattia, il numero più basso da un anno a questa parte. Anche se per questa epidemia non darà un grande contributo, il vaccino potrà dare una grossa mano nelle prossime. "Può essere veramente un 'game-changer - ha sottolineato Kieny -. se avessimo avuto questo vaccino mesi fa avremmo evitato migliaia di morti".