Tiscali.it
SEGUICI

Vaccino Covid: miocardite, pericardite e trombosi. Tutte le reazioni avverse registrate

Uno studio condotto su quai 100 milioni di vaccinati dal Global Vaccine Data Network (GVDN) ha messo in relazione anche i possibili effetti collaterali con il tipo di vaccino impiegato: quello a vettore adenovirale e quello a Mrna

TiscaliNews   
Laboratorio
Foto Ansa

Esiste connessione tra vaccino anti covid, trombosi e miocarditi? Dopo  quattro  anni dall'inizio della pandemia a a fare chiarezza ci ha pensato un nuovo studio su quasi 100 milioni di vaccinati condotto dal Global Vaccine Data Network (GVDN) attraverso il progetto Global COVID Vaccine Safety.

I tassi di incidenza

Grazie al più grande studio mai effettuato  sui vaccini anti covid, gli esperti hanno analizzato i tassi di incidenza di 13 condizioni (cardiache, ematiche e neurologiche) mettendo a confronto quelli emersi dopo la vaccinazione e quelli attesi in assenza del vaccino. Gli esperti hanno valutato quanto i vaccini abbiano incrementato il rischio delle condizioni esaminate, andando a caccia di quelli che gli epidemiologi chiamano tecnicamente “segnali di sicurezza”.

Le reazioni avverse  analizzate

 Tra le reazioni avverse analizzate nello studio, che ha coinvolto quasi 100 milioni di vaccinati di otto Paesi, figurano miocardite, pericardite, sindrome di Guillain-Barré; trombosi del seno venoso cerebrale; mielite trasversa; encefalomielite acuta disseminata e altre ancora.I tipi di vaccino usato. Le 13 condizioni sono state messe in relazione anche al tipo di vaccino impiegato, ciò significa quello a vettore adenovirale e quello a mRNA. Incrociando l'enorme mole di dati raccolti in questa analisi mondiale è emerso che, entro 42 giorni dalla vaccinazione, il rischio era molto simile a quello di fondo, cioè quello atteso senza vaccinazione nella popolazione generale, per la maggior parte delle condizioni in esame. Ma con alcune differenze significative, proprio in virtù dell'enorme numero di persone vaccinate analizzate.

Tutti i dati dello studio sui vaccini anti covid

Si tratta di dati statisticamente significativi, Ad oggi, come indicato da Ourworldindata, sono state somministrate 13,57 miliardi di dosi di vaccino anti Covid e il 70,6 percento della popolazione mondiale ne ha ricevuta almeno una.
- Nei soggetti che avevano ricevuto un vaccino a vettore virale sono stati registrati 190 casi di sindrome di Guillain-Barré, rispetto ai 66 previsti in assenza della vaccinazione. 
- Per quanto concerne la trombosi del seno venoso cerebrale, dopo la prima dose del vaccino a vettore virale i ricercatori hanno osservato un rischio oltre 3 volte superiore a quello atteso (69 casi contro i 21 attesi). Il rischio di questa condizione aumentava anche dopo un vaccino a mRNA, pari a 1,49 volte dopo la prima dose e 1,25 volte dopo la seconda. - L'encefalomielite acuta disseminata ha mostrato un rapporto di casi osservati rispetto a quelli attesi di 3,78 (IC 95%: 1,52, 7,78) dopo la prima dose di un vaccino a mRNA, con 7 casi rilevati rispetto ai 2 attesi.
- Pericardite e miocardite hanno avuto un incremento con entrambe le tipologie di vaccinazione. Con un vaccino a mRNA il rischio di pericardite è passato da 1,74 volte dopo la prima dose a 2,64 volte dopo la quarta dose. Per la miocardite, il rischio è aumentato da 3,48 volte dopo la prima dose a 6,10 dopo la seconda con lo stesso vaccino a mRNA. 

TiscaliNews   
I più recenti
Iss, consumo alcol a rischio per un italiano su 6
Iss, consumo alcol a rischio per un italiano su 6
Schillaci, 'miglioreremo tetto spesa personale, abolizione entro l'anno'
Schillaci, 'miglioreremo tetto spesa personale, abolizione entro l'anno'
Dengue, da studio 'bussola' per anticipare in Italia possibili focolai
Dengue, da studio 'bussola' per anticipare in Italia possibili focolai
Da pediatri allerta pertosse, 3 morti da gennaio e +800% ricoveri
Da pediatri allerta pertosse, 3 morti da gennaio e +800% ricoveri
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...