Tiscali.it
SEGUICI

Stress e ansia favoriscono la crescita e la resilienza del tumore riducendo l'efficacia delle cure: lo studio

Un lavoro del Netherlands Cancer Institute di Amsterdam, Paesi Bassi, ha dimostrato che il cancro sfrutta le emozioni negative per proteggersi dai farmaci antitumorali

TiscaliNews   
lotta tumori
Foto Ansa

Il cancro sfrutta le emozioni negative per difendersi. Per questo motivo stress, ansia e depressione possono compromettere l'esito dei trattamenti immunoterapici rendendoli meno efficaci. E’ quanto ha dimostrato uno studio condotto dal Netherlands Cancer Institute di Amsterdam, Paesi Bassi, e pubblicato su 'Nature Medicine'. Sui suoi risultati si confrontano gli esperti riuniti a Napoli per la nona edizione dell'Immunotherapy e Melanoma Bridge, doppio evento internazionale che si chiude oggi e che ospita, fra gli altri scienziati, anche l'autore del lavoro Christian U. Blank.

Lo stress può favorire la crescita e la resilienza del tumore

"Lo studio dei colleghi olandesi conferma chiaramente l'esistenza di uno stretto legame tra lo stato emotivo e psicologico di un paziente con tumore e la risposta immunitaria, anche quando 'potenziata' da specifici trattamenti immunoterapici - commenta Paolo Ascierto, presidente del convegno e direttore del Dipartimento di oncologia melanoma, immunoterapia oncologica e terapie innovative dell'Istituto nazionale tumori Irccs Fondazione Pascale di Napoli - Lo stress può favorire la crescita e la resilienza del tumore, sia attraverso la produzione di una serie di ormoni (per esempio il cortisolo) che lo 'nutrono', sia promuovendo la creazione di un microambiente vantaggioso per la proliferazione di metastasi, sia 'indebolendo' e 'corrompendo' le cellule del sistema immunitario. Il supporto psicologico dall'inizio del percorso di cura può dunque avere una triplice funzione: da un lato può migliorare la qualità della vita del paziente, dall'altro può ridurre il 'nutrimento' del tumore e dall'altro ancora sostenere e tutelare la risposta ai trattamenti immunoterapici".

L’analisi dei dati

Nella ricerca olandese discussa al summit napoletano, evento sostenuto dal contributo non condizionante di Bms e 3PS - spiega una nota - sono stati analizzati i dati di circa 90 pazienti tra quelli che hanno preso parte al progetto Prado, studio che ha di fatto promosso l'immunoterapia neoadiuvante, cioè prima dell'intervento chirurgico, nei pazienti con melanoma. All'inizio della ricerca tutti i partecipanti hanno completato un questionario progettato per valutare la qualità della vita, in modo da individuare coloro che presentavano un disagio emotivo già prima della terapia a base di inibitori dei checkpoint immunitari, cioè dei farmaci mirati ai 'freni' che impediscono al sistema immunitario di attaccare efficacemente il tumore. I pazienti sono stati poi seguiti per circa 28 mesi. "Dai nostri risultati - riferisce Blank - è emerso che il disagio emotivo può influenzare negativamente la risposta immunitaria contro il tumore. I pazienti con disagio emotivo presente prima del trattamento immunotropico neoadiuvante hanno mostrato una ridotta risposta alla terapia rispetto ai pazienti senza segni evidenti di stress, ansia o depressione: 46% contro il 65%", 20 punti percentuali in meno. "Non solo: il disagio emotivo è risultato collegato a un rischio più alto di recidiva a 2 anni (91% contro 74%) e a maggiori metastasi a 2 anni (95% contro il 78%)".

TiscaliNews   

I più recenti

Ordini medici, 'su farmacia dei servizi regole uniche per tutti i cittadini'
Ordini medici, 'su farmacia dei servizi regole uniche per tutti i cittadini'
Schillaci a oculisti, 'impegno per definire rimborso adeguato cataratta'
Schillaci a oculisti, 'impegno per definire rimborso adeguato cataratta'
I 90 anni Iss, Ordini medici e infermieri ‘da sempre punta di diamante Ssn’
I 90 anni Iss, Ordini medici e infermieri ‘da sempre punta di diamante Ssn’

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...