Salute: occhio secco epidemia di città, in Pianura padana ne soffre l'83%

Salute: occhio secco epidemia di città, in Pianura padana ne soffre l'83%
di Adnkronos

Milano, 20 nov. (Adnkronos Salute) - Occhio secco epidemia metropolitana, o meglio ancora padana. L'overdose digitale - con una tecno-dipendenza da computer, tablet e smartphone che supera le 6 ore al giorno - l'abuso di aria condizionata o riscaldamento e lo smog 'asciugano la vista' al 75% degli italiani, con punte dell'83% fra chi abita in Pianura padana. E' quanto emerge da uno screening nazionale che ha coinvolto 745 persone di 11 regioni della Penisola, sottoposte a controlli gratuiti nei 16 centri che lungo lo Stivale hanno aderito alla quarta campagna di prevenzione e diagnosi promossa dal Cios (Centro italiano occhio secco) di Milano diretto da Lucio Buratto, in collaborazione con la clinica Oculistica dell'università dell'Insubria di Varese diretta da Claudio Azzolini. I risultati dell'iniziativa, patrocinata da ministero della Salute e Soi (Società oftalmologica italiana) vengono diffusi oggi nel capoluogo lombardo insieme a quelli della prima campagna di prevenzione e diagnosi del cheratocono, che sempre con il patrocinio di ministero e Soi ha permesso di valutare 317 persone in 21 centri, ancora sotto l'egida di Buratto quale direttore del Camo (Centro ambrosiano oftalmico), con Neovision e in collaborazione con le università di Verona e di Chieti-Pescara. Ne è emerso che quasi 2 italiani su 10 soffrono o potrebbero ammalarsi di questa patologia progressiva della cornea, tipica dell'adolescenza e associata - se non trattata - a un crollo della capacità visiva. "Quest'anno abbiamo organizzato tre campagne di diagnosi e prevenzione contro maculopatia diabetica (gennaio), occhio secco (maggio-giugno) e cheratocono (settembre-ottobre)", ricorda Buratto, direttore scientifico di Cios e Camo. "E' stato impegnativo, ma grazie alla collaborazione con università e centri d ricerca e con il sostegno delle istituzioni, in primis il ministero della Salute, abbiamo raggiunto ottimi risultati ed è stato centrato l'obiettivo: aiutare le persone a vivere meglio, diffondendo la cultura della prevenzione. Tutti gli esami sono stati completamente gratuiti - precisa l'esperto - e le tecnologie a disposizione all'avanguardia nel mondo della diagnostica", anche con l'impiego di test genetici (test Avellino) e intelligenza artificiale per stanare il cheratocono. Tra i fattori di rischio per l'occhio secco si confermano età (gli over 50 sono più colpiti), sesso (donne più esposte), alterazioni ormonali, malattie sistemiche, fumo e alcol. "Ma insieme a questi, e con un'incidenza sempre maggiore nell'insorgenza della sindrome - sottolineano gli specialisti - ci sono l'inquinamento atmosferico, il lavoro in ambienti con aria condizionata oppure molto ventilati o secchi, e l'uso prolungato dispositivi dotati di schermo luminoso". Condizioni che alterano la funzionalità lacrimale e che sono "riscontrabili nelle grandi città metropolitane, soprattutto del Nord, in percentuale doppia rispetto alle altre zone d'Italia". Per l'analisi dei dati raccolti grazie alla campagna sull'occhio secco, considerando anche la distribuzione dell'inquinamento sul territorio nazionale sono state individuate due categorie: informazioni provenienti dai centri situati in Pianura padana (gruppo A - Milano, Varese, Torino e Padova), o da altri territori (gruppo B - Napoli, Arezzo, Pisa, Bari, Catania, Sassari e Lecce). Si quindi calcolato che nel gruppo A più del 20% dei pazienti trascorre oltre 6 ore al giorno in un ambiente condizionato, contro meno del 10% nel gruppo B. Anche l'uso della tecnologia per più di 6 ore al giorno è maggiore nel gruppo A (47%) rispetto al B (33%). "Di fronte agli schermi luminosi - avvertono gli esperti - si tende a sbattere le palpebre (ammiccamento) molto meno frequentemente, con una ridotta produzione di lacrime e un'eccessiva evaporazione" che 'desertificano' l'occhio. "L'aumento dei casi di secchezza oculare che si è registrato negli ultimi anni - aggiungono gli specialisti - è correlato anche alla crescita esponenziale dei casi di allergia", riscontrata nel 18% dei pazienti di entrambi i gruppi A e B. Quanto infine alle patologie sistemiche, dagli screening condotti, solo per le tiroiditi il campione B conta più pazienti (20%) rispetto all'A (11%). Dalla campagna dedicata al cheratocono è emerso invece che l'82% delle persone visitate non presenta alterazioni riconducibili alla patologia, il 10% mostra alterazioni sospette e l'8% modifiche corneali spia di un cheratocono già evidente e mai diagnosticato in precedenza. Un 18% che, riguardando una malattia di giovani e giovanissimi, desta negli addetti ai lavori "una certa preoccupazione". Nell'occhio affetto da cheratocono la cornea si assottiglia e cambia foggia. Spesso diventa miope, ma è l'astigmatismo irregolare a disturbare maggiormente la visione restituendo immagini sfocate e deformate. La patologia può esordire fin dalla pubertà e, se non viene immediatamente diagnosticata, diventa difficile da curare. Individuare precocemente il problema permette invece di trattarlo con il Cross linking, una tecnica para-chirurgica che si è dimostrata efficace nel rallentare e in molti casi fermare l'evoluzione del cheratocono. Si tratta di applicare sulla cornea un farmaco chiamato riboflavina, successivamente attivato da una luce ultravioletta Uva. L'azione combinata stimola la cornea a rinforzare i legami fra i tessuti che la compongono. Commenta Buratto: "Gli screening hanno evidenziato come la sindrome dell'occhio secco sia una patologia in continuo aumento nella nostra società, in particolare nei grossi centri urbani e in maniera molto evidente nella Pianura padana, mentre il cheratocono è una grave patologia che colpisce in prevalenza gli adolescenti. Non ha un'incidenza altissima, ma se non diagnosticata può diventare un serio problema risolvibile solo con il trapianto di cornea. Per queste e altre patologie dell'occhio, e non solo - ammonisce l'esperto - la via maestra è quella della prevenzione. Una sempre più stretta collaborazione tra medici, ricercatori e istituzioni, in un'ottica di Welfare Community, è il modo migliore per garantire una diagnostica di alta qualità alle persone e per evitare impegni più gravosi in futuro".