Polmonite virale, confermata la quarta vittima. L’Oms convoca una riunione d'emergenza

Potrebbero essere migliaia le persone già colpite. E dall'Australia arriva la notizia di un primo caso sospetto su un uomo appena rientrato proprio dalla Cina

Polmonite virale, confermata la quarta vittima. L’Oms convoca una riunione d'emergenza
TiscaliNews

Si aggrava in Cina il bilancio dei morti a causa del virus, simile alla Sars, comparso dal dicembre scorso. Le autorità sanitarie hanno annunciato che le vittime sono salite a sei. E dall'Australia arriva la notizia di un primo caso sospetto su un uomo appena rientrato proprio dalla Cina. Ieri sono stati gli stessi esperti della commissione della salute cinese a confermare che il virus è trasmissibile da uomo a uomo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha convocato per domani un Comitato di emergenza. Aumentano anche i casi delle persone contagiate: ce ne sono 77 nuovi, portando a 291 il totale

Restrizioni ai viaggi

"Se i dati confermassero un'estensione del focolaio del nuovo coronavirus non si escludono misure più importanti a livello internazionale, che potrebbero esser prese dall'Organizzazione Mondiale della Sanità: dai controlli più serrati negli aeroporti allo sconsigliare spostamenti, fino alle restrizioni dei viaggi, chiaramente non da tutta la Cina ma solo dalla città di Wuhan". A spiegarlo è Gianni Rezza, direttore del Dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di Sanità. I dati che arrivano sono frammentari, si parla di 300 casi ufficialmente confermati del nuovo virus, ma quelli reali sarebbero verosimilmente circa 1700.

I consigli ai viaggiatori

"Consultate il medico e vaccinatevi contro l'influenza almeno due settimane prima del viaggio. Valutate l'opportunità di rimandare viaggi non necessari". Sono i consigli ai viaggiatori diretti alla città cinese di Wuhan, dove si è sviluppato il focolaio di un nuovo coronavirus, contenuti nelle locandine informative del ministero della Salute e che sono state affisse nell'aeroporto di Roma Fiumicino.

I sintomi

Tosse, febbre e difficoltà respiratorie i campanelli d'allarme da considerare, avverte il dicastero, che ai rischi della polmonite da nuovo coronavirus dedica ampio spazio sul proprio sito, anche con una serie di domande e risposte.
Dal titolo 'Polmonite da nuovo  coronavirus. Consigli ai viaggiatori internazionali diretti a o di ritorno da Wuhan in Cina', la locandina informa che nella città di Wuhan "è in corso un'epidemia di polmonite.

La causa

Attualmente - si spiega - è stata identificata la causa in un nuovo coronavirus (2019-nCoV): i sintomi più comuni sono febbre, tosse secca, mal di gola e difficoltà respiratorie". I coronavirus sono una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS). Questo nuovo coronavirus è un nuovo ceppo che non è stato precedentemente mai identificato nell'uomo.

Prima di partire

Dal ministero, dunque, alcuni consigli "prima di partire" per Wuhan, tra cui quello di vaccinarsi contro l'influenza almeno due settimane prima del viaggio e quello di valutate l'opportunità di rimandare viaggi non necessari. Consigli, poi, di cui tener conto "all'arrivo" a Wuhan: "Applicate misure igieniche quali: lavate frequentemente le mani con acqua e sapone, coprite la bocca e il naso con un fazzoletto quando starnutite o tossite (non con le mani). Evitate il contatto con persone affette da malattie respiratorie. Evitate luoghi affollati, in particolare mercati del pesce e di animali vivi.

Cosa non fare

Evitate di toccare animali e prodotti di origine animale non cotti. Rivolgetevi a un medico o a una struttura sanitaria qualora compaiano sintomi di infezione respiratoria (febbre, tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratorie). Non mettetevi in viaggio se siete malati. Per qualsiasi necessità contattare la vostra Ambasciata o il vostro Consolato". Il ministero invita alla massima attenzione anche al ritorno in Italia: "se nelle due settimane successive al vostro ritorno si dovessero presentare sintomi respiratori (febbre, tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratorie) a scopo precauzionale contattate il vostro medico di fiducia, riferendo del vostro recente viaggio".

Non esiste un trattamento specifico per la malattia causata da un nuovo coronavirus : il trattamento, chiarisce il ministero, deve essere basato sui sintomi del paziente e la terapia di supporto può essere molto efficace.