Tiscali.it
SEGUICI

Il pediatra: "Risparmiare sul cibo è un rischio ma si può, ecco come"

di Adnkronos   
Il pediatra: 'Risparmiare sul cibo è un rischio ma si può, ecco come'

Milano, 24 feb. (Adnkronos Salute) - L'inflazione morde e le famiglie italiane continuano a fronteggiare un 'caro spesa' che spinge a scelte condizionate dal portafoglio, non sempre sicure per la salute. "Se il costo del carrello aumenta, spesso si tende a risparmiare sui prodotti alimentari con il rischio di acquistare cibi da un lato meno sicuri, dall'altro più grassi e quindi alleati di sovrappeso e obesità". Lo spiega all'Adnkronos Salute il pediatra Italo Farnetani, che suggerisce alcuni trucchi per contenere il conto in cassa senza compromettere il benessere e lo sviluppo dei bimbi. Perché è anche a tavola che si costruisce per loro un futuro sano, avverte il docente di pediatria dell'università Ludes-United Campus of Malta.

"Nei bambini una corretta alimentazione è essenziale per una crescita armonica e in salute", premette il medico. "Per questo - sottolinea - sarebbe preferibile continuare ad acquistare i cibi consueti, operando gli eventuali risparmi su altri prodotti che non siano gli alimenti". Una regola generale sempre valida è "prestare molta attenzione ai prodotti alimentari con prezzi eccessivamente bassi, controllandone bene la provenienza e la tracciabilità". Destreggiandosi fra gli scaffali tenendo fisso questo punto fermo, "risparmiare bene è possibile - assicura Farnetani - giocando su scelte intelligenti e su una rotazione appropriata del menù" proposto ai piccoli di casa.

Tre le mosse salva-spesa e salute. La prima riguarda carne e pesce: "Fra pranzo e cena - illustra il pediatra - vanno assunti dai bambini 3 volte alla settimana". Come garantire questo consumo corretto risparmiando? "Dal punto di vista nutrizionale la carne bianca e quella rossa hanno lo stesso valore, ma la carne bianca costa meno - ricorda Farnetani - E tra il pesce privilegiamo quello azzurro: è più economico, ma anche particolarmente benefico perché ricco in Omega 3". Il secondo cibo amico è "l'uovo. Un bambino dovrebbe mangiare uova 2-3 volte alla settimana: sono importanti perché hanno un alto valore nutrizionale, ma hanno anche un bassissimo costo", evidenzia il medico. Terza mossa: "Soddisfare le preferenze dei bimbi offrendo loro degli alimenti che prediligono", ossia "la pizza e la crostata". Rigorosamente 'homemade'.

"Pizza e crostata costano poco e sono anche al primo posto nelle preferenze alimentari di bambini e adolescenti", osserva Farnetani. "La pizza, che suggerisco di far mangiare 2 volte alla settimana, è sempre sinonimo di festa per tutta la famiglia, specie se la si prepara in casa tutti insieme. Così si risparmia anche". Quanto alla crostata, anche lei è praticamente "un simbolo dell'unità nazionale", rimarca il pediatra, considerando che "è in assoluto il dolce preferito dai bimbi in tutte le regioni italiane. E fatta in casa, è sana ed economica".

C'è invece una portata su cui il medico dei piccoli invita a "non tagliare mai". E' il formaggio: "I bambini devono assumere formaggi 3-4 volte alla settimana - raccomanda Farnetani - perché sono la più importante fonte di calcio che nei primi 18 anni di vita è cruciale per la formazione delle ossa. Se nei primi 18 anni non si mangiano formaggi a sufficienza, direi anche in abbondanza, le ossa rischiano di diventare fragili, soggette a fratture. Una volta raggiunto il picco di massa ossea, il gioco è fatto: le ossa resteranno per tutta la vita come si sono formate nei primi 18 anni". Senza toccare il carrello dei formaggi, dunque, conciliare esigenze economiche e di salute "non è difficile".

di Adnkronos   

I più recenti

Fnomceo, 'contrari a togliere numero chiuso, sì ad anticipare test'
Fnomceo, 'contrari a togliere numero chiuso, sì ad anticipare test'
Analisi Oms su 124 centri italiani Long Covid, 'punti di forza ma criticità risorse'
Analisi Oms su 124 centri italiani Long Covid, 'punti di forza ma criticità risorse'
'Stop numero chiuso Medicina colpo di grazia a Ssn', Anaao annuncia azioni
'Stop numero chiuso Medicina colpo di grazia a Ssn', Anaao annuncia azioni
Tumori, esperti: Contro mielofibrosi studi per personalizzare cure
Tumori, esperti: Contro mielofibrosi studi per personalizzare cure

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...