Tiscali.it
SEGUICI

Farmaco sperimentale blocca il deficit di memoria nei topi affetti da Alzheimer. Al via test sull’uomo

Il risultato è stato possibile grazie all’ausilio di nanoparticelle magnetiche che trasportano ai neuroni piccole proteine in grado di rompere gli accumuli dannosi di proteina tau, che caratterizzano la malattia, e impedire che se ne formino di nuovi

TiscaliNews   
Farmaco sperimentale blocca il deficit di memoria nei topi affetti da Alzheimer. Al via test sull’uomo

In topi usati come modello della malattia di Alzheimer si è riusciti a bloccare il deficit di memoria, grazie a nanoparticelle magnetiche che trasportano ai neuroni piccole proteine in grado di rompere gli accumuli dannosi di proteina tau, che caratterizzano la malattia, e impedire che se ne formino di nuovi. Il risultato, pubblicato sulla rivista Science Advances, è stato ottenuto da un gruppo di ricercatori guidato dall’Università della California di Los Angeles. Si apre quindi la strada alla prospettiva di sperimentazioni cliniche anche negli esseri umani, ma dovrà prima di tutto essere stabilita la sicurezza e l’efficacia della terapia per l’uomo.

Colpiti i grovigli di proteina tau

Molte ricerche suggeriscono che i grovigli di proteina tau, insieme alle placche di proteina beta-amiloide, sono le cause più probabili del danno neuronale che si verifica durante la malattia di Alzheimer e rappresentano, dunque, promettenti bersagli per le eventuali terapie. I ricercatori guidati da Ke Hou si sono perciò concentrati proprio su questi accumuli dannosi che si formano nel cervello e, per raggiungerli, hanno scelto di utilizzare delle nanoparticelle magnetiche, già messe a punto in studi precedenti, che riescono ad attraversare la barriera emato-encefalica, quella che protegge il cervello dalle sostanze nocive presenti nel sangue, trasportando piccolissime catene di amminoacidi.

Trattamento durato 10 settimane

I topi utilizzati nell’esperimento hanno ricevuto un trattamento della durata di 10 settimane, che si è dimostrato in grado di disgregare i grovigli di proteina tau e impedirne l’ulteriore accumulo. Gli animali trattati in questo modo sono riusciti ad orientarsi meglio dei loro compagni quando sono stati posizionati all’interno di un labirinto, riuscendo a ricordare i percorsi già provati, e sono anche stati in grado di distinguere più rapidamente gli oggetti familiari da altri che non avevano mai visto prima.

TiscaliNews   
I più recenti
In Italia oltre 26mila interventi l'anno per l'obesità, 54% al Nord
In Italia oltre 26mila interventi l'anno per l'obesità, 54% al Nord
Chirurgia bariatrica, nuovi protocolli per gestione ricoveri al 32° Congresso Sicob
Chirurgia bariatrica, nuovi protocolli per gestione ricoveri al 32° Congresso Sicob
Aborto: Associazione Coscioni, 'a 46 anni dalla legge 194, 3 italiani su 4 a favore'
Aborto: Associazione Coscioni, 'a 46 anni dalla legge 194, 3 italiani su 4 a favore'
Nuova possibile terapia per cancro aggressivo alla tiroide, studio
Nuova possibile terapia per cancro aggressivo alla tiroide, studio
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...