Tiscali.it
SEGUICI

Esperta Oms, 'andiamo verso quinto anno di Covid e preoccupa ancora'

di Adnkronos   
Esperta Oms, 'andiamo verso quinto anno di Covid e preoccupa ancora'

Milano, 3 gen. (Adnkronos Salute) - "Sono preoccupata. Stiamo entrando nel quinto anno di pandemia" Covid, "sicuramente siamo in una fase diversa", "caratterizzata da un virus in evoluzione, con i sottolignaggi XBB e BA.2 che circolano e JN.1 che diventa dominante", "caratterizzata da un impatto ridotto rispetto al picco di Covid di qualche anno fa, ma ancora una minaccia per la salute globale. E' ancora una pandemia che causa troppe (re)infezioni, ricoveri, morti e casi di Long Covid, quando esistono strumenti per prevenirli". Sono le parole dell'esperta dell'Organizzazione mondiale della sanità Maria Van Kerkhove, che segue l'evoluzione del virus Sars-CoV-2 da inizio pandemia.

Responsabile tecnico per Covid-19 all'Oms, Van Kerkhove, in una riflessione nel passaggio dal vecchio al nuovo anno, mette in guardia: la variante "JN.1 continua ad aumentare in termini di rilevamento, ma ciò che conta" per le persone "è che Covid circola in tutti i Paesi e ci si può proteggere da infezioni e malattie gravi. Usare le mascherine, ventilare" gli ambienti, "fare i test, trattare" la malattia, "vaccinarsi", facendo il booster "ogni 6-12 mesi a seconda del gruppo a rischio" a cui si appartiene. E' una situazione, osserva l'esperta, "caratterizzata dalla co-circolazione di molti altri agenti patogeni, ad esempio influenza, mycoplasma, Rsv, eccetera. I casi e i ricoveri per Covid sono in aumento da mesi. Gli ospedali di molti Paesi sono oberati e sopraffatti dal Covid e da altri patogeni, e i decessi sono in aumento".

Quello che preoccupa, aggiunge nel suo messaggio, è anche "l'autocompiacimento. Non accetterò mai che esista un 'livello accettabile di morte' per Covid. E questo vale ancora. I governi non devono essere compiacenti, le persone non devono essere compiacenti. Abbiamo tutti vissuto qualcosa di traumatico con Covid. Il mondo si è spento, abbiamo perso milioni di persone care, miliardi sono stati colpiti personalmente" dal virus. "Non possiamo dimenticare. E l'eredità del Covid deve essere il rafforzamento dei sistemi sanitari", in primo luogo.

"Sono preoccupata che troppi pensino che Covid non sia qualcosa di cui preoccuparsi, che abbiano bisogno di una nuova variante con una lettera greca per prendere sul serio questo virus. Quando dovremo assegnare una lettera greca, non esiteremo", prosegue Van Kerkhove. Ma intanto, ripete, "preoccupa che vogliamo così tanto andare avanti che i governi, molti dei quali hanno una nuova leadership e sono andati avanti, dimenticheranno gli ospedali stracolmi, le tende nei parcheggi per i malati, i camion refrigerati che fungevano da obitori, i cimiteri, gli operatori sanitari esausti".

"Non possiamo dimenticare chi è morto da solo e le persone che muoiono ora, migliaia ogni settimana", i "ricoverati", le persone con "Long Covid che lottano ogni giorno. Questi ricordi, ancora freschi, devono alimentare e finanziare migliori sistemi sanitari, equità, preparazione alla pandemia per le minacce attuali e future. Il tutto" inserito "nel contesto di altre sfide (guerra, sfollamento, cambiamento climatico). Dobbiamo fare meglio" ed "è difficile", conclude ricordando il tema dell'Accordo pandemico.

di Adnkronos   

I più recenti

Farmaci, asma eosinofilico grave: studio conferma efficacia mepolizumab
Farmaci, asma eosinofilico grave: studio conferma efficacia mepolizumab
Fumo, Pescatori (presidente del Congresso 'Nel Cuore di Santa'): Tema affrontato dalla scienza con un po' di inerzia
Fumo, Pescatori (presidente del Congresso 'Nel Cuore di Santa'): Tema affrontato dalla scienza con un po' di inerzia
Fumo, Festinese (UniCamillus): Basta con la lotta senza riserve, le alternative ci sono
Fumo, Festinese (UniCamillus): Basta con la lotta senza riserve, le alternative ci sono
Fumo: Richter (Esc), 'per chi non smette necessaria riduzione del danno'
Fumo: Richter (Esc), 'per chi non smette necessaria riduzione del danno'

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...