Tiscali.it
SEGUICI

Dietologo Mocini: "No pregiudizi su farine insetti, mixare tradizione e innovazioni"

di Adnkronos   
Dietologo Mocini: 'No pregiudizi su farine insetti, mixare tradizione e innovazioni'

Roma, 24 mar. (Adnkronos Salute) - "Per quanto possano sembrare disturbanti o poco familiari con la nostra cultura, le farine di insetti e in generale i prodotti da loro derivati rappresentano una fonte proteica potenzialmente benefica e con un bassissimo impatto ambientale". Il loro arrivo nei supermercati e nel piatto "non significa cancellare le nostre tradizioni dall'oggi al domani o stravolgere le tavole degli italiani in maniera forzata o impositiva, ma vivere i cambiamenti da protagonisti del settore, governando le evoluzioni per non rischiare di doverne subire, in ritardo, le conseguenze. La cucina italica è da sempre in grado di integrare tradizione e innovazioni". Così Edoardo Mocini, medico specialista in Scienza dell'alimentazione e ricercatore dell'università Sapienza Policlinico Umberto I di Roma, commentando all'Adnkronos Salute le regole per la vendita delle farine derivati da insetti, con scaffali separati ed etichette a caratteri cubitali.

L'esperto invita a tenere i pregiudizi fuori dal piatto. "Ricette che percepiamo come eternamente appartenenti alla tradizione, come la pasta alla carbonara, sono relativamente recenti - ricorda Mocini - Tradizione vuole si tratti di una ricetta nata nel primo dopo-guerra, in un momento di grande penuria di materie prime, in cui per la prima volta, con il bacon, si combina questo piatto proprio applicando l'ingegno, e coniugando tradizione e novità nell'uso delle materie prime. Pur comprendendo che la farina di grillo non abbia lo stesso effetto su di noi che può avere il bacon, l'importante è non ragionare solamente di 'pancia', ma governare i fenomeni - sottolinea - con un atteggiamento aperto e soprattutto scientifico".

"Il tema dei cambiamenti nella produzione del settore agro-alimentare è un tema complesso che non va banalizzato o affrontato in maniera ideologica, ma scientifica", prosegue il dietologo, autore del libro 'Fatti i piatti tuoi' (Rizzoli).

"Negli ultimi 20 anni la popolazione mondiale è aumentata di 2 miliardi. Crescerà quasi altrettanto nei prossimi 20 arrivando ai 10 miliardi nel 2050. Esiste un tema legato alla sostenibilità della produzione di fonti proteiche - rimarca Mocini - L'idea che si possa continuare a produrre e consumare il cibo come abbiamo fatto fino un secolo fa è ridicola. E infatti questo già non accade, la tecnologia ha stravolto le modalità di produzione, trasformazione, trasporto, conservazione". Il punto, dunque, "non è cambiare o non cambiare, ma affrontare il tema in maniera scientifica, che non significa indifferente rispetto alle necessità dei produttori o al valore culturale delle nostre tradizioni, ma nemmeno completamente permeabile agli interessi lobbistici. Non va tenuto come unico punto di riferimento un nostalgico e pregiudiziale atteggiamento di conservatorismo tout court. Bisogna piuttosto cercare di capire cosa si può integrare e soprattutto intercettare i settori strategici su cui l'Italia potrebbe mantenere la sua posizione di leader - chiosa l'esperto - nel settore della produzione alimentare".

di Adnkronos   
I più recenti
Salute, dermatologo Paro Vidolin: Social utile per informazione a giovani e anziani
Salute, dermatologo Paro Vidolin: Social utile per informazione a giovani e anziani
Tumori, il report: cure mirate e test genomici non omogenee in Italia
Tumori, il report: cure mirate e test genomici non omogenee in Italia
Salute, solo 1 italiano su 2 fa prevenzione cardiovascolare
Salute, solo 1 italiano su 2 fa prevenzione cardiovascolare
Donne vivono più degli uomini, studio spiega il gender gap della longevità
Donne vivono più degli uomini, studio spiega il gender gap della longevità
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...