Così le cellule morenti impediscono le pericolose reazioni autoimmuni

Identificato un recettore che attiva il meccanismo protettivo. Possibile prevenire le potenziali reazioni attraverso le quali il sistema immunitario attacca i tessuti corporei di un paziente

Così le cellule morenti impediscono le pericolose reazioni autoimmuni
di R.Z.

Le cellule morenti nel corpo possono tenere sotto controllo il sistema immunitario, prevenendo così le risposte immunitarie indesiderate contro i tessuti del corpo. Gli scienziati del German Cancer Research Center, che hanno visto i risultati del proprio studio pubblicati sulle pagine della rivista scientifica Cell Reports ed EurekAlert, hanno ora identificato un recettore sulle cellule immunitarie murine che attiva questo meccanismo protettivo e può quindi prevenire pericolose reazioni autoimmuni in cui il sistema immunitario attacca i tessuti corporei del paziente.

Miliardi di cellule muoiono ogni giorno nel corpo umano. Ciò si verifica nell’ambito di un processo regolato chiamato apoptosi o morte cellulare programmata. Le cellule morenti affrontano il sistema immunitario con grandi quantità di proteine, che dovrebbero attivare una risposta immunitaria, ma le cellule apoptotiche sembrano attivamente sopprimere il sistema immunitario in modo che non attacchi i tessuti stessi del corpo.

Abbiamo iniziato a chiederci molti anni fa che tipo di meccanismo protettivo previene le reazioni autoimmuni - il corpo che attacca i suoi stessi tessuti - quando le cellule del sistema immunitario, come le cellule dendritiche, raccolgono i resti delle cellule morte”, dice Peter Krammer, immunologo al German Cancer Research Center (DKFZ). Krammer, il suo collega Heiko Weyd e il tutto il team ha trovato una risposta alla domanda: “Non appena si innesca l’apoptosi, le cellule morenti trasportano le proteine ​​dalla famiglia delle annessine sulla superficie cellulare. Le annessine agiscono come un segnale di arresto per le cellule del sistema immunitario e impediscono l’attivazione di una risposta immunitaria”.

Kevin Bode del dipartimento di Krammer ha ora identificato la proteina dectina-1 come recettore legante l’annessina sulla superficie delle cellule dendritiche: la dectina-1 riconosce le annessine e innesca una via di segnale nelle cellule dendritiche che alla fine sopprime la risposta immunitaria. I topi che non hanno alcuna dectina-1 sulla superficie delle loro cellule dendritiche hanno mostrato una risposta immunitaria più forte alle cellule apoptotiche morenti. Inoltre, i topi senza dectina-1 hanno sviluppato segni di malattie autoimmuni nella vecchiaia.

Gli scienziati del German Cancer Research Center hanno così scoperto un meccanismo di controllo per ”l’autotolleranza” del sistema immunitario. “Ma supponiamo che il corpo abbia anche altre funzioni protettive per prevenire le reazioni autoimmuni. Ecco perché la perdita di dectina-1 negli animali non diventa evidente fino a tardi nella vita“, ha spiegato Bode.

“È interessante notare che la dectina-1 ha un duplice ruolo”, ha aggiunto Krammer. La molecola non lega solo le annessine, ma lega alcuni patogeni in un diverso sito di legame. Questo ha l’effetto opposto e innesca una risposta immunitaria. “Abbiamo quindi identificato un checkpoint immunitario cruciale che, a seconda del partner di legame, innesca o sopprime la risposta immunitaria“, ha spiegato Krammer.

Un collegamento chiave nella via di segnale della dectina-1 è l’enzima NAD(P)H ossidasi 2. Le persone che non hanno questo enzima sviluppano malattie autoimmuni. In collaborazione con l’Ospedale pediatrico di Zurigo e l’Ospedale universitario di Heidelberg, i ricercatori della DKFZ stanno pertanto esaminando campioni di sangue di pazienti privi di NAD(P)H ossidasi 2 per trovare nuovi punti di partenza per potenziali trattamenti.

Le malattie autoimmuni hanno un impatto dannoso sulla vita dei pazienti e in alcuni casi sono persino pericolose per la vita. Al fine di sviluppare trattamenti efficaci, è quindi fondamentale sapere quali meccanismi sopprimono le risposte immunitarie ai tessuti corporei di un paziente o, al contrario, li attivano. Stabilendo l’interazione tra l’annessina sulla superficie delle cellule morenti e la dectina-1 sulle cellule dendritiche, Bode e colleghi hanno identificato un meccanismo chiave che previene le reazioni autoimmuni. In tal modo, hanno trovato un interessante punto di partenza per futuri trattamenti farmacologici.

Sebbene le interazioni tra l’annessina e la dectina-1 siano state inizialmente identificate in una capsula di Petri, gli scienziati avranno bisogno di esperimenti su animali per dimostrare che il legame tra queste due proteine ​​in realtà sopprime le reazioni autoimmuni.

Riferimenti