Tiscali.it
SEGUICI

Celiachia, Pet in casa riducono rischi nei bimbi, antibiotici lo aumentano

di Adnkronos   
Celiachia, Pet in casa riducono rischi nei bimbi, antibiotici lo aumentano

Roma, 28 set. (Adnkronos Salute) - La celiachia ha le massime probabilità di manifestarsi non solo quando la predisposizione è più marcata, ma anche se sono stati assunti antibiotici o determinati farmaci anti-acido, gli inibitori della pompa protonica, per periodi prolungati e soprattutto nelle bambine. Per contro, il suo sviluppo sembra invece essere chiaramente ostacolato nei bambini maschi che, oltre ad avere un rischio genetico meno acuto, assumono probiotici, hanno accanto a sé animali domestici come cani e gatti e hanno avuto infezioni virali. E' quanto emerge da uno studio condotto in Italia e Usa, che ha chiarito come alcuni fattori ambientali abbassano e altri aumentano le probabilità di sviluppare malattia celiaca in bambini predisposti all'intolleranza al glutine. la ricerca è stata presentata al Congresso nazionale della Società italiana di Gastroenterologia e Nutrizione pediatrica (Sigenp) in corso a Matera.

Era noto da tempo che una determinata struttura del sistema Hla (un gruppo di geni) fosse una condizione quasi necessaria per lo sviluppo della celiachia. Ma non era chiaro perché la malattia insorgesse effettivamente solo nel 3% dei soggetti con questo difetto genetico. Lo studio condotto negli Usa, ad Harvard, e in Italia a Roma, Milano, Ancona, Salerno, Bari, Bergamo, Genova, Bologna, ha confermato i legami tra l’insorgenza della celiachia e determinati fattori ambientali "che a questo punto sono evidenti, ma - commenta Claudio Romano, presidente Sigenp - andranno indagati a fondo in altri studi, per comprenderne la natura e i meccanismi. Tuttavia, quello che è emerso da questa ricerca è importante perché fornisce indicazioni che potrebbero aiutare a prevenire o almeno a non favorire la patologia".

Lo studio, promosso da Alessio Fasano del Massachusetts General Hospital, Harvard Medical School, Boston e coordinato in Italia da Francesco Valitutti, ricercatore in Pediatria presso l’università di Perugia, è stato condotto finora su 423 bambini (219 negli Usa e 204 nel nostro Paese), seguendoli dalla nascita fino ai 7 anni analizzando 80 fattori clinici identificati da questionari longitudinali, compilati periodicamente dai genitori, relativi a dati demografici, storia medica, ambiente e abitudini alimentari.

"Lo studio - sottolinea Valitutti - si pone fondamentalmente due obiettivi ambiziosi: identificare marcatori non invasivi per una diagnosi molto precoce della celiachia; intercettarla prima del suo pieno sviluppo clinico, nell’ottica di una prevenzione primaria della stessa, contrastando i fattori di rischio ambientali e facendo in modo che non si perda del tutto la tolleranza immunologica al glutine".

di Adnkronos   
I più recenti
Salute, Giornata sclerosi multipla: stasera l'Italia si illumina di rosso
Salute, Giornata sclerosi multipla: stasera l'Italia si illumina di rosso
Farmaci, 'nel 2030 il primo che fa ricrescere i denti', da settembre test sull'uomo
Farmaci, 'nel 2030 il primo che fa ricrescere i denti', da settembre test sull'uomo
Farmaci, tornano gli psichedelici, psichiatri 'cautela ma potenziale enorme'
Farmaci, tornano gli psichedelici, psichiatri 'cautela ma potenziale enorme'
Lettera appello di 50 medici, 'Ssn è malato, basta curare solo sintomi'
Lettera appello di 50 medici, 'Ssn è malato, basta curare solo sintomi'
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...