Tiscali.it
SEGUICI

La birra chiara fa bene e favorisce il microbioma intestinale, lo studio scientifico che piace

Gli esperti hanno analizzato anche le possibili differenze con il consumo della medesima bibita in versione analcolica, riscontrando risultati analoghi

Roberto Zoncadi R. Z.   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

Come il vino anche la birra chiara, sia questa alcolica o analcolica, può avere benefici per la salute. Il tutto sta sempre nella moderazione, e quindi nel consumo intelligente. Attraverso uno studio pilota, un team di ricercatori del Journal of Agricultural and Food Chemistry di ACS, ha scoperto che l’assunzione di una birra al giorno, indipendentemente dal fatto che questa contenga o meno alcol, migliora il microbioma intestinale. I soggetti che hanno preso parte alla “sperimentazione” hanno sviluppato un insieme più diversificato di microbi, riducendo di fatto il rischio di sviluppare in futuro una moltitudine di malattie.

Foto Shutterstock

Trilioni di microrganismi rivestono i tratti gastrointestinali umani, influenzando direttamente il benessere del loro ospite. Gli studi hanno dimostrato che quando sono presenti più tipi di batteri, le persone tendono ad avere una minore possibilità di sviluppare malattie croniche, come malattie cardiache e diabete. E la birra contiene composti, come polifenoli e microrganismi della sua fermentazione che potrebbero avere un impatto sulla varietà di microbi nell’intestino umano. Uno studio "cross-over" precedentemente pubblicato ha mostrato che quando uomini e donne hanno consumato birra lager analcolica per 30 giorni, la loro diversità del microbioma intestinale è aumentata. Molte di quelle stesse persone erano anche in un secondo gruppo che ha bevuto una versione alcolica della birra e non ha avuto lo stesso effetto.

In questo studio in doppio cieco, 19 uomini sani sono stati suddivisi in modo del tutto casuale in due gruppi che hanno bevuto 30 grammi di birra alcolica o analcolica a cena per 4 settimane. I ricercatori hanno scoperto che il peso dei partecipanti, l'indice di massa corporea e i marcatori sierici per la salute del cuore e il metabolismo non sono cambiati durante lo studio. Ma alla fine del periodo di 4 settimane, entrambi i gruppi avevano una maggiore diversità batterica nel microbioma intestinale e livelli più elevati di fosfatasi alcalina fecale, indicando un miglioramento della salute intestinale.

I ricercatori suggeriscono che questi risultati potrebbero differire da quelli dello studio precedente, a causa dei diversi design delle prove e perché i partecipanti vivevano in comunità diverse. Ma sulla base di questo studio pilota, i ricercatori affermano che consumare una bottiglia di birra, indipendentemente dalla sua gradazione alcolica, può essere un benefico per il microbioma intestinale e più in generale per la salute intestinale. Tuttavia, aggiungono gli esperti, poiché non esiste un livello sicuro per quanto riguarda il consumo di alcol, la birra analcolica potrebbe essere la scelta più salutare.

Riferimenti
Roberto Zoncadi R. Z.   

I più recenti

Fumo: Richter (Esc), 'per chi non smette necessaria riduzione del danno'
Fumo: Richter (Esc), 'per chi non smette necessaria riduzione del danno'
Sanità, Innocenti (Chiesi): Digitale e prevenzione per sostenibilità sistema
Sanità, Innocenti (Chiesi): Digitale e prevenzione per sostenibilità sistema
Malattie rare: mese consapevolezza Fabry, rapper Blind la racconta ai giovani
Malattie rare: mese consapevolezza Fabry, rapper Blind la racconta ai giovani
Covid, in una settimana nuovi casi in aumento
Covid, in una settimana nuovi casi in aumento

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...