Tiscali.it
SEGUICI

Appello neurologi ai leader G7, 'priorità migliorare la salute del cervello'

di Adnkronos   
Appello neurologi ai leader G7, 'priorità migliorare la salute del cervello'

Roma, 13 giu. (Adnkronos Salute) - Migliorare la salute del cervello "deve essere una priorità assoluta e i leader del G7 possono fare la loro parte per coordinare politiche globali e per adottare un approccio One Health". Questa la richiesta dei neurologi Paul Boon, Elena Moro e Matilde Leonardi, dell'European Academy of Neurology, che hanno pubblicato nella sezione 'Salute', assieme al neurologo canadese Hachinski, l'articolo "Changing the mindset " che sollecita i leader del G7 e i leader politici di ogni Paese ad occuparsi della salute del cervello. L'articolo sarà consegnato a tutti i delegati che parteciperanno al Vertice di Puglia.

L’invecchiamento della popolazione e il cambiamento dello stile di vita sono fattori di rischio ormai associati automaticamente alle patologie cardiache. In realtà, sono anche tra i principali responsabili di molte malattie neurologiche che rappresentano la seconda causa di morte e la prima causa di disabilità a livello globale. Nonostante l’elevata incidenza di patologie neurologiche, l'accesso ai servizi di prevenzione è insufficiente, soprattutto nei Paesi a basso e medio reddito. Per questo motivo, si legge nel paper, "occorre essere coraggiosi e adottare soluzioni globali, multilivello e pragmatiche per promuovere la salute del cervello, non solo quando si manifesta una patologia, ma durante tutto l’arco della vita come auspicato anche dall’Oms”.

Per i neurologi, prendersi cura della salute del cervello deve "entrare nella prospettiva di miglioramento della salute che ogni Paese può e deve adottare, promossa a ogni livello tanto da poter essere seguita dalla maggior parte delle persone e in contesti totalmente diversi - precisano - Ci sono infatti attività molto semplici che con il minimo sforzo possono aiutare a raggiungere importanti risultati in termini di prevenzione". “Attività fisica e sonno regolare, una dieta equilibrata e il controllo della pressione arteriosa, smettere di fumare e coltivare connessioni sociali che promuovono le funzioni cerebrali, mentali e sociali, sono azioni che fanno bene al nostro cervello - ricorda Matilde Leonardi, direttore della Sc Neurologia, salute pubblica, disabilità e del Coma Research Centre della Fondazione Irccs Istituto neurologico Carlo Besta di Milano e membro del board dell’Accademia europea di neurologia - Se solo il 10% delle persone cambiasse mentalità potremmo assistere ad una trasformazione piuttosto veloce".

"Per farlo occorre proprio cambiare approccio - sottolinea - passando dall'affrontare i problemi al prevenirli. L'Italia è in prima linea con pochi altri paesi, Finlandia, Svizzera, Norvegia, India, nel promuovere la salute del cervello e il 12 marzo scorso, coordinata dal presidente della Società italiana di neurologia, Alessandro Padovani, è stata lanciata alla Camera la Strategia Italiana per la salute del cervello 2024-2031".

In questa partita globale per la salute del cervello e la riduzione dell'impatto delle malattie mentali e neurologiche anche la politica può fare la sua parte. Nel documento gli esperti esplicitano in tre punti le azioni che i leader del G7 e ogni governo dovrebbero intraprendere: dichiarare la salute del cervello (neurologica, mentale e sociale) una priorità assoluta lungo tutto l'arco della vita delle persone; coordinare, integrare e catalizzare le politiche sulla salute cerebrale e mentale; collegare i piani globali, regionali e nazionali per la salute del cervello e stimolarli a implementare un approccio One Health al centro dei sistemi di cura, delle politiche e degli interventi.

di Adnkronos   
I più recenti
Università, a Roma Tor Vergata il nuovo corso di laurea in Medicina veterinaria
Università, a Roma Tor Vergata il nuovo corso di laurea in Medicina veterinaria
Aneurisma dell'aorta, tecnica soft 'made in Rimini'
Aneurisma dell'aorta, tecnica soft 'made in Rimini'
Tumori, svelato meccanismo molecolare della leucemia dei bimbi
Tumori, svelato meccanismo molecolare della leucemia dei bimbi
Internisti, 'contro spossatezza no caffè o tè, meglio doccia fredda'
Internisti, 'contro spossatezza no caffè o tè, meglio doccia fredda'
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...