Tiscali.it
SEGUICI

Vaccino Covid avvia una regressione spontanea di un tumore metastatico in una paziente di 61 anni

La donna, a distanza di un anno dalla vaccinazione con il farmaco Moderna, ha subito una modifica radicale della dimensione e della composizione tessuto tumorale. Per i medici la massa si è ridotta del 70 per cento

Roberto Zoncadi R.Z.   
Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

Un’equipe di scienziati del MD Anderson Cancer Center di Houston ha diffuso una notizia che accende la speranza per decine di migliaia di pazienti malati di tumore in tutto il mondo. Stando a quanto comunicato dai ricercatori, cha hanno pubblicato l’incredibile storia sulle pagine del Journal for Immunotherapy of Cancer, una paziente di 61 anni ha visto la sua condizione oncologica migliorare drasticamente ad un anno dalla seconda vaccinazione Covid con il farmaco Moderna. Sulla paziente, affetta da un tumore delle ghiandole salivari, aggravato da metastasi polmonari, si sarebbe avviata una regressione spontanea senza precedenti.

Il caso clinico

La donna, 61 anni, era stata operata e sottoposta a radioterapia, nel tentativo di eliminare la malattia. I trattamenti chirurgici, tuttavia, non avrebbero impedito alle cellule tumorali di invadere i polmoni, con metastasi lievi ma non trattate (evoluzione documentata attraverso TAC e biopsia toracica), per l’assenza di chiare linee guida sul da farsi. I medici hanno deciso di limitarsi a monitorare il decorso della malattia, ripetendo gli esami trimestralmente. Dopo circa 6 mesi, tuttavia, un nodulo polmonare è risultato più grande, passando da 1,4 a 3 centimetri. Da qui la decisione di arruolare la paziente in una sperimentazione clinica. Tale passaggio, tuttavia, è stato preceduto dalla somministrazione delle due dosi di vaccino Moderna. Uno step necessario, indispensabile per proteggere la paziente immunodepressa dai rischi legati alla pandemia ma che di fatto ha avuto effetti positivi.

A distanza di un anno la sorpresa

Le dimensioni e la composizione del tessuto tumorale prelevato dai polmoni erano mutate e la massa tumorale, ridottasi inizialmente del 13 per cento, si è ridimensionata complessivamente del 70 per cento. Abbiamo osservato una “notevole riduzione del numero assoluto di cellule tumorali e della frazione di esse che proliferavano in maniera attiva”, ha comnmentato Renata Ferrarotto, direttore del dipartimento di oncologia dei tumori della testa e del collo del MD Anderson Cancer Center.

Le TAC successive hanno infatti evidenziato una progressiva riduzione della massa tumorale, nonché la composizione stessa del tessuto, arricchitosi di linfociti B, linfociti T, cellule dendritiche e natural killer. E tra tutti, i veri protagonisti potrebbero esser i linfociti T, coinvolti tanto nella difesa dalla sindrome respiratoria grave – provocata dal Coronavirus – quanto alla base dei meccanismi di funzionamento dell’immunoterapia contro i tumori. I medici, benché ne siano sorpresi, non hanno dubbi sul perché tutto ciò sia accaduto. La vaccinazione ha di fatto stimolato tutta la “macchina difensiva dell’organismo”, consentendo non solo la protezione dal virus Sars-Cov2 ma anche dal tumore.

Pur trattandosi di un singolo caso gli scienziati si dicono ora entusiasti, la medicina potrebbe avere tra le mani uno strumento incredibilmente potente, efficace contro una moltitudine di tumori. Il caso, evidenziano i ricercatori, viene definito “eccezionale”, ma vi sarebbero anche altri pazienti che avrebbe avuto un decorso simile: un uomo affetto da un tumore del rene ed un altro da un linfoma cutaneo anaplastico primitivo, casi trattati sulle pagine delle riviste Current Oncology e British Journal of Dermatology. Quali siano tuttavia le caratteristiche che abbiano consentito alla paziente di beneficiare degli effetti del vaccino i medici ancora non lo sanno.

Riferimenti
Roberto Zoncadi R.Z.   
I più recenti
Sindacato medici Ssn, 'senza ulteriori finanziamenti scenderemo in piazza'
Sindacato medici Ssn, 'senza ulteriori finanziamenti scenderemo in piazza'
Roma, violenza sessuale su operatrice in ambulanza
Roma, violenza sessuale su operatrice in ambulanza
Università Texas, immunologo Casali guida studio sui topi umanizzati
Università Texas, immunologo Casali guida studio sui topi umanizzati
Telethon, da bando multi-round 4 mln a 22 progetti di ricerca su malattie rare
Telethon, da bando multi-round 4 mln a 22 progetti di ricerca su malattie rare
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...