Tiscali.it
SEGUICI

Tumore della prostata, entro il 2040 atteso un raddoppio dei casi. Lancet: "Prepararsi a gestire il fenomeno"

Il tumore della prostata rappresenta il 15% delle diagnosi di tumore ed è la neoplasia più diffusa nei maschi in oltre cento Paesi del mondo.

Carlo Ferraioli di Carlo Ferraioli   
Tumore della prostata, entro il 2040 atteso un raddoppio dei casi

Entro il 2040 i casi annui di tumore alla prostata nel mondo raddoppieranno, passando dagli attuali 1,4 milioni a 2,9 milioni. Di pari passo, cresceranno dell'85% i decessi che dai 375 mila di oggi raggiungeranno i 400 mila. Sono i dati che emergono da un rapporto pubblicato sulla rivista 'The Lancet', che sottolinea la necessità "di mettere a punto strategie per gestire questo fenomeno" e fornisce raccomandazioni per mitigare l'impatto della neoplasia.

Il tumore della prostata rappresenta il 15% delle diagnosi di tumore ed è la neoplasia più diffusa nei maschi in oltre cento Paesi del mondo. "Il peso delle malattie a livello globale è già notevole", spiega la 'Lancet Commission on prostate cancer', ma è destinato ad aumentare ulteriormente. "L'aumento dell'aspettativa di vita nei Paesi a basso e medio reddito determinerà grandi aumenti del cancro alla prostata, e si prevede che i casi aumenteranno anche nei Paesi ad alto reddito", aggiunge.

Prevenire con diagnosi precoci

A preoccupare è soprattutto la diagnosi tardiva, che "è diffusa in tutto il mondo, ma soprattutto nei Paesi a basso e medio reddito è la norma". Gli strumenti per la diagnosi precoce non mancano, tuttavia sono poco diffusi nei Paesi a basso reddito, mentre in quelli ricchi rischiano di essere usati in maniera inappropriata: "lo screening del cancro alla prostata con il test del Psa può portare a un numero eccessivo di test e a trattamenti non necessari negli uomini anziani e a test insufficienti sugli uomini più giovani, ma ad alto rischio", spiega il rapporto.

"Sappiamo che questo aumento dei casi è in arrivo, quindi dobbiamo iniziare a pianificare e agire ora", afferma in una nota il primo firmatario del rapporto, Nicholas James. "Interventi basati sulle evidenze scientifiche, come una migliore diagnosi precoce e programmi educativi, contribuiranno a salvare vite umane e a prevenire malattie dovute al cancro alla prostata negli anni a venire".

Carlo Ferraioli di Carlo Ferraioli   
I più recenti
Iss, consumo alcol a rischio per un italiano su 6
Iss, consumo alcol a rischio per un italiano su 6
Schillaci, 'miglioreremo tetto spesa personale, abolizione entro l'anno'
Schillaci, 'miglioreremo tetto spesa personale, abolizione entro l'anno'
Dengue, da studio 'bussola' per anticipare in Italia possibili focolai
Dengue, da studio 'bussola' per anticipare in Italia possibili focolai
Da pediatri allerta pertosse, 3 morti da gennaio e +800% ricoveri
Da pediatri allerta pertosse, 3 morti da gennaio e +800% ricoveri
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...