Ok dell'Italia al vaccino AstraZeneca, ma solo per gli over 60. E ora si teme un rallentamento nelle vaccinazioni

Luce verde anche per la seconda dose. L'Ema conferma: "Esiste legame con le trombosi rare, ma benefici sono superiori ai rischi"

Foto Ansa
Foto Ansa
TiscaliNews

L'Italia raccomanda l'uso diAstraZeneca solo per chi ha più di 60 anni, sebbene non ci siano elementi per scoraggiare la somministrazione della seconda dose per quanti avessero già avuto la prima. Ad annunciarlo in serata è stato il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli, al termine dell'ennesima giornata convulsa sull'uso del vaccino di Oxford. Pur riconoscendo i casi eccezionali di trombosi come "effetti indesiderati molto rari" dell'immunizzante anglo-svedese, l'Ema non aveva infatti ritenuto di sconsigliare le somministrazioni per genere o fasce d'età, demandando la decisione ai singoli Stati, in base alle loro esigenze. Subito dopo l'Ema, si sono riuniti in una videoconferenza straordinaria i ministri della Salute dei 27, che però non sono riusciti ad adottare una linea comune. L'Ue resta così spaccata tra quanti hanno già imposto restrizioni (come i Paesi scandinavi, la Germania, la Francia e l'Olanda, cui si è aggiunto oggi anche il Belgio) e quanti invece non intendono farlo."Ci mettiamo subito a scrivere la circolare. Bisogna essere chiari e netti", ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza sulle nuove direttive per AstraZeneca durante la videoconferenza Governo-Enti locali. Il provvedimento "conterrà una raccomandazione di somministrare AstraZeneca sopra i 60 anni, in linea con quanto deciso da altri paesi Ue", ha aggiunto.

"I benefici superano di gran lunga i rischi", aveva ripetuto a più riprese nel pomeriggio la direttrice dell'Ema Emer Cooke, parlando di eventi davvero straordinari, con un'incidenza molto bassa, e lanciando un appello agli europei a vaccinarsi con tutti gli immunizzanti disponibili. La presidente del Prac, la commissione per la valutazione del rischio dell'Agenzia europea, Sabine Straus, aveva tuttavia ammesso che i casi analizzati hanno fatto rilevare "un forte legame" tra il vaccino di AstraZeneca e gli eventi collaterali "molto rari", e per questo motivo è stata stabilita una "probabile causalità". Si è arrivati a questa conclusione dopo un'analisi approfondita di 62 casi di trombosi cerebrale e 24 dell'addome riportati nel database sulla sicurezza dei farmaci dell'Ue alla data del 22 marzo, 18 dei quali fatali. "Una spiegazione plausibile" delle cause scatenanti non è stata individuata, ma tra le ipotesi "c'è una risposta immunitaria al vaccino che porta a una condizione simile a quella osservata a volte nei pazienti trattati con eparina, definita trombocitopenia indotta dall'eparina".

Ad ogni modo l'Ema ha espresso la volontà di imporre ad AstraZeneca "approfonditi studi per capire di più sugli effetti di rischio" del suo vaccino, ha spiegato il responsabile della task force sull'analisi dei dati Peter Arlett. La compagnia anglo-svedese dovrà fare "studi di laboratorio per cercare di comprendere meglio l'effetto dei vaccini sulla coagulazione, esaminare i dati esistenti di studi clinici ravvicinati per valutare si vi siano ulteriori informazioni sui possibili rischi e condurre anche studi epidemiologici".

Ascoltato tutto questo, l'Italia ha ritenuto di andare oltre l'aggiornamento del bugiardino e gli avvisi raccomandati dall'Ema, aggiungendosi alla schiera di quanti avevano già imposto delle restrizioni (Germania, Spagna e Belgio hanno deciso l'uso sopra i 60 anni, la Francia sopra i 55). Dall'altra parte della Manica, anche la Mhra, l'autorità britannica del farmaco, ha raccomandato di offrire un vaccino diverso alle persone con meno di 30 anni. Le trombosi rare rilevate su alcune decine di pazienti sottoposti al vaccino anti Covid di AstraZeneca sono "un effetto collaterale potenziale sospetto" del siero "su un numero estremamente limitato" di casi, ha ammesso June Raine, dell'ente regolatore del Regno Unito. "Esiste la forte possibilità" di un qualche legame, "anche se occorre ulteriore lavoro per provare oltre ogni dubbio" un rapporto causale. Intanto nel Regno Unito sono saliti a 76 i casi di trombosi rare e a 19 i morti fra le circa 20 milioni di persone che hanno utilizzato finora il vaccino. Mentre gli Stati Uniti, ha fatto sapere Anthony Fauci, non prevedono al momento di utilizzare il vaccino di Oxford: "Non è un giudizio negativo sul siero - ha specificato l'immunologo americano - ma abbiamo già tre buoni vaccini che ci forniscono dosi sufficienti probabilmente anche per un ulteriore richiamo".

E ora in Italia c'è un rischio rallentamento

L'ennesimo colpo di scena sul vaccino di Astrazeneca costringe il governo a rimettere mano al piano vaccinale, già cambiato tre volte dall'inizio della campagna a dicembre. Con il siero dell'azienda anglo-svedese che sarà ora somministrato ai 60-79enni. Al di là delle decisioni un dato è già chiaro ed evidente a tutti: la modifica in corsa e, soprattutto, i timori sempre più diffusi tra gli italiani, rischiano di provocare ulteriori rallentamenti alle vaccinazioni proprio nel momento in cui è fondamentale imprimere un'accelerazione. I numeri dicono che ad oggi ci sono 8 milioni di italiani che hanno ricevuto una prima dose di vaccino e a 2.294.203 di loro è stato somministrato il siero di Astrazeneca. Non tutti sono under 60, ma una buona parte sì. Dunque la prima decisione che il governo dovrà prendere sarà quella relativa ai richiami, che secondo le indicazioni dell'Aifa devono essere fatti a tre mesi dalla prima dose: verrà comunque somministrato il vaccino dell'azienda anglo-svedese a tutti? O solo agli over 60 e per i più giovani si procederà con un altro siero? Come si procederà con personale scolastico, forze armate e forze di polizia, le categorie prioritarie alle quali finora è stato riservato Astrazeneca? "Al momento non ci sono elementi per scoraggiare l'utilizzo della seconda dose" spiega il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli. E' probabile dunque che chi ha già fatto la prima dose riceverà anche la seconda, indipendentemente dall'età. Ma è la stessa Ema a non escludere l'ipotesi del 'mix' tra vaccini diversi: "potrebbe essere efficace" dice la presidente del comitato di sicurezza Sabine Straus aggiungendo però che al momento "non ci sono ancora dati disponibili".

Il secondo problema, che rischia seriamente di compromettere la campagna di vaccinazione almeno nell'immediato, costringendo dunque il governo a rivedere anche i piani relativi alle riaperture, è legato invece alla paura che neanche troppo sottotraccia si sta diffondendo e che porta gli italiani a disertare i centri vaccinali. In Lombardia, spiega il membro del Cts lombardo Carlo Signorelli, un 15-16% di prenotati non si è presentato. E alla Asl Napoli 1, martedì, su 4mila prenotati 800 hanno disertato la vaccinazione. Segnali d'allarme che potrebbero aumentare nei prossimi giorni e contro i quali a poco servono, purtroppo, le rassicurazioni degli esperti. "Il vaccino è utilizzabile in tutte le fasce di popolazione" dice il direttore dell'Aifa Nicola Magrini mentre il virologo Andrea Crisanti ricorda che "prendere un aereo ha un rischio di trombosi 100 volte superiore a fare un vaccino". Lo hanno capito perfettamente gli stessi presidenti di regione che, insieme ad Anci e Upi, hanno incontrato i ministri degli Affari Regionali Mariastella Gelmini e della Salute Roberto Speranza e il commissario per l'Emergenza Francesco Figliuolo, proprio per capire come modificare il piano e non andare in ordine sparso.

"Rischiamo di avere vaccini che non riusciamo a inoculare, perché la gente non li vuole", dice il governatore del Friuli Massimiliano Fedriga esplicitando il timore di tutti. Nei frigoriferi delle Regioni ad oggi ci sono almeno 1,8 milioni di dosi di Astrazeneca. Per evitare che restino lì la soluzione individuata da Figliuolo è di somministrarlo fin dalle prossime ore alla categoria 60-79 anni. "Una platea - sottolinea il generale nell'incontro con i governatori - di circa 13 milioni di persone, due dei quali hanno già avuto la prima dose". Ma bisognerà anche decidere come vaccinare tutti coloro che non potranno più avere Astrazeneca e, dunque, come rimodulare l'utilizzo degli altri due vaccini al momento disponibili, Pfizer e Moderna. Secondo Luca Zaia il vero rischio è che nel prossimo mese "si andrà avanti solo con le seconde dosi". "Navighiamo a vista" ammette il governatore del Veneto che chiede se ci saranno nuove forniture da parte delle altre case farmaceutiche. Ma sulle prossime consegne non c'è al momento alcuna certezza, nonostante nel secondo trimestre l'Italia dovrebbe ricevere oltre 52milioni di dosi.

Astrazeneca, sempre lei, ha già fatto sapere che il 14 aprile consegnerà il 50% di quanto previsto, 175 mila dosi anziché 340 mila (che dovrebbe però reintegrare tra il 16 e il 23 aprile). Pfizer ha terminato la distribuzione di un altro milione e mezzo di dosi, che serve però solo a dare ossigeno ai territori, mentre Moderna dovrebbe consegnare non prima di fine settimana. E Johnson & Johnson ha già fatto sapere che il 16 non manderà più di 400mila dosi. Tutti elementi che allontanano sempre di più l'obiettivo delle 500mila vaccinazioni al giorno per la metà di aprile.