Tiscali.it
SEGUICI

Bevande zuccherate sotto accusa, possono aumentare il rischio di morte per malattie cardiovascolari

Roberto Zoncadi R.Z.   
Bevande zuccherate sotto accusa, possono aumentare il rischio di morte per malattie cardiovascolari

Consumare frequentemente bevande zuccherate, a lungo andare, può creare grossi problemi di salute. E’ quanto dimostrerebbe uno studio condotto da un team di ricercatori del Dipartimento di Nutrizione dell'Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston (Massachusetts), che punta virtualmente il dito contro una moltitudine di bibite (anche quelle nate per chi pratica attività sportive) e il cui consumo risulterebbe associato all’aumento del rischio di morte per malattie cardiovascolari. I risultati dello studio, che gli stessi scienziati sottolineano voler confermare con ulteriori ricerche, sono stati pubblicati sulle pagine della rivista Circulation, della American Heart Association.

Meglio l'acqua delle bibite

I ricercatori ribadiscono la validità dei vecchi consigli della nonna: per quanto possibile preferire sempre l’acqua potabile alle bevande zuccherate. "L'acqua potabile come alternativa alle bevande zuccherate - ha detto Vasanti Malik, responsabile dello studio - è una scelta salutare che potrebbe contribuire alla longevità”. Per aiutare i consumatori abituali i ricercatori consigliano di sostituire gradualmente le bibite con la soda dietetica: “Ma l'acqua è la scelta migliore e più salutare". Negli Stati Uniti il consumo di bevande zuccherate negli ultimi 10 anni è precipitato, ma resta comunque ancora molto alto. Che le bibite zuccherate non fossero “alleate” della salute lo si sapeva da tempo, ma lo studio condotto a Boston conferma i timori già noti. Esiste infatti un potenziale collegamento tra il consumo frequente di bibite zuccherate (analcoliche e alcoliche) e l’aumento di peso e i conseguenti problemi di salute: malattie cardiovascolari e diabete in primis.

I numeri dello studio

Malik e colleghi hanno esaminato i dati relativi allo stato di salute di 37.716 uomini e 80.647 donne. Di tutti sono stati messi a confronto l'indice di massa corporea, la quantità di bevande assunte quotidianamente e l’attività fisica eventualmente praticata. Il risultato è stato lampante e dimostra inequivocabilmente che il consumo frequente di bevande zuccherate è associato all’aumento del rischio di morte per malattie cardiovascolari.

Roberto Zoncadi R.Z.   
I più recenti
Sindacato medici Ssn, 'senza ulteriori finanziamenti scenderemo in piazza'
Sindacato medici Ssn, 'senza ulteriori finanziamenti scenderemo in piazza'
Roma, violenza sessuale su operatrice in ambulanza
Roma, violenza sessuale su operatrice in ambulanza
Università Texas, immunologo Casali guida studio sui topi umanizzati
Università Texas, immunologo Casali guida studio sui topi umanizzati
Telethon, da bando multi-round 4 mln a 22 progetti di ricerca su malattie rare
Telethon, da bando multi-round 4 mln a 22 progetti di ricerca su malattie rare
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...