Tiscali.it
SEGUICI

Rischio beffa per produttori vino veneti: 50.000 etichette da buttare

di Agenzia DIRE   
Rischio beffa per produttori vino veneti: 50.000 etichette da buttare

VENEZIA - “Ho posto all’attenzione del Ministro Lollobrigida la questione sul cambio di etichettatura del vino imposta dalla Commissione europea, che rischia di produrre un danno economico impattante ai nostri produttori creando l’ennesimo cavillo burocratico. Dopo l’etichetta sanitaria ‘irlandese’, ora sotto attacco è la lista degli ingredienti che non potranno più essere solamente indicati con la lettera ‘I’ e un Qr code, ma con l’intero termine ‘ingredienti’. A rischio sono quasi 50.000 stampe già pronte da destinare al macero, perché non conformi alle recenti disposizioni europee che entreranno in vigore già da venerdì 8 dicembre”.

Così l’assessore all’Agricoltura della Regione del Veneto, Federico Caner, rilancia la forte preoccupazione che sta colpendo i produttori di vino e prodotti vitivinicoli aromatizzati in merito all’obbligo, previsto dal Regolamento della Commissione Europea 2021/2117 integrato poi con la rettifica di luglio 2023, che si applicherà a quanto prodotto dopo l’8 dicembre.SI SPERA NELLE RASSICURAZIONI DI LOLLOBRIGIDA SU POSSIBILE RINVIO OBBLIGO“L’introduzione e l’applicazione della normativa europea sta generando molto caos: a livello operativo si intuisce che le novità si applicheranno ai vini e prodotti vitivinicoli aromatizzati prodotti dopo tale data– spiega Caner- ma il problema, attualmente, è di tipo economico. Il ministro, in occasione di un incontro dei componenti della Commissione Politiche Agricole della Conferenza delle Regioni, ci ha confermato che il Governo intende posticipare l’introduzione e l’applicazione della normativa europea grazie permettendo l’utilizzo e l’esaurimento delle etichette già a magazzino. Questa soluzione potrebbe realmente dare un sostegno a un comparto importante per l’economia regionale e quella nazionale”.

di Agenzia DIRE   
I più recenti
Donazzan Lascio un'eredità importante fatta di buona amministrazione
Donazzan Lascio un'eredità importante fatta di buona amministrazione
Accordo per riapertura Centro di recupero fauna selvatica a Sedico
Accordo per riapertura Centro di recupero fauna selvatica a Sedico
Sanità, Zaia Veneto al top per Fondazione Gimbe sulla prevenzione
Sanità, Zaia Veneto al top per Fondazione Gimbe sulla prevenzione
Turismo, Caner Forti incrementi nei numeri dei primi 5 mesi 2024
Turismo, Caner Forti incrementi nei numeri dei primi 5 mesi 2024
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...