Tiscali.it
SEGUICI

Vale d'Aosta: rafforzati controlli contro peste suina africana

di Adnkronos   

Roma, 26 mag.(Adnkronos) - ''L’Assessorato della Sanità, Salute e Politiche sociali della valle d'Aosta informa che, alla luce dell’evoluzione della situazione epidemiologica riguardante la Peste Suina Africana a più di un anno dal rilevamento del virus sul territorio continentale, la malattia è presente nelle regioni Piemonte, Liguria, Lazio, Calabria e Campania. In particolare, il fronte della malattia in Piemonte e Liguria è in lenta, ma progressiva espansione sui versanti est ed ovest delle zone di infezione primarie''. Lo comunica la Regione Valle d'Aosta.

''Per mettere in sicurezza le province limitrofe alle zone di restrizione caratterizzate da una forte vocazione zootecnica, il commissario straordinario alla peste suina africana, Vincenzo Caputo, ha firmato l’Ordinanza n.2/2023 che procede alla revisione complessiva delle misure della Ordinanza Commissariale n. 4/2022 (prorogata con successive Ordinanze).Nell’Ordinanza vengono armonizzate le misure di eradicazione, controllo e prevenzione della malattia da applicarsi nelle zone infette, nelle zone di restrizione e nelle zone confinanti, istituite sul territorio nazionale e fornisce, inoltre, nuove indicazioni di controllo in caso di conferma di Peste Suina Africana nei suini detenuti e dispone che le Regioni provvedano all’eradicazione della Psa nella specie cinghiale, al completamento del censimento di tutti gli stabilimenti che detengono suini ed immediato aggiornamento della Bdn, alla verifica dei livelli di biosicurezza degli allevamenti e al controllo virologico di tutte le carcasse di suini selvatici ritrovati sul proprio territorio''.

''La Valle d’Aosta è al momento ancora indenne dalla malattia e dal 2022, anno in cui è stato presentato il “Piano regionale di interventi urgenti (Priu) per la gestione, il controllo e l’eradicazione della Peste Suina Africana (Psa) nei suini di allevamento e nella specie cinghiale (Sus scrofa)”, sono state messe a punto delle strategie per limitarne l’ingresso. Il Corpo Forestale della Valle d’Aosta, con il supporto dei cacciatori formati, è impegnato nel monitoraggio del territorio attraverso la ricerca attiva delle carcasse di cinghiale e le operazioni di depopolamento della specie. I Servizi Veterinari dell’Azienda USL hanno intensificato i controlli della biosicurezza negli allevamenti di suini e cinghiali. L’Istituto Zooprofilattico effettua le analisi per la ricerca del virus in tutte le carcasse di cinghiali e di suini rinvenuti morti. Tutte queste operazioni di monitoraggio e controllo vengono effettuate anche nel Parco naturale del Mont Avic e nel Parco Nazionale del Gran Paradiso. Sono inoltre stati coinvolti i comuni e la popolazione per quanto concerne il divieto di immissione di rifiuti nell’ambiente e la sorveglianza passiva, incentivando la segnalazione del rinvenimento di carcasse di cinghiale''.

''La Peste Suina Africana può avere gravissime ripercussioni sulla salute della popolazione animale interessata e sulla redditività del settore zootecnico suinicolo, con possibili pesanti ripercussioni economiche in relazione al blocco delle movimentazioni delle partite di suini vivi e dei relativi prodotti derivati all'interno dell'Unione e nell’export''.

''Maiali e cinghiali sani possono contagiarsi tramite contatto con animali infetti, compreso il contatto tra suini che pascolano all’aperto e cinghiali selvatici, tramite ingestione di carni o prodotti a base di carne di animali infetti, scarti di cucina, broda a base di rifiuti alimentari e carne di cinghiale selvatico infetta (comprese le frattaglie) oppure attraverso il contatto con qualsiasi oggetto contaminato dal virus, come abbigliamento, veicoli e altre attrezzature. Le attività umane sono le principali responsabili della diffusione della malattia sulle lunghe distanze''.

''Pertanto l’Assessorato invita la popolazione a:segnalare alla autorità competente il rinvenimento di esemplari di suini selvatici morti o moribondi contattando il Corpo Forestale della Valle d’Aosta al numero telefonico 1515;non alimentare i suini domestici e selvatici con scarti alimentari e impedirne l'accesso ai rifiuti sia in ambiente domestico che pubblico. Non rilasciare rifiuti di origine animale nell’ambiente.Si rammenta, infine, che vige l’obbligo di identificare tutti i suini sia allevati che non DPA, cosiddetti “suini da compagnia”: i suini non identificati, per i quali sia impossibile risalire al proprietario, e i suini selvatici o domestici detenuti illegalmente dovranno essere sequestrati dall’Autorità Competente e ne potrà essere disposto l’abbattimento''.

di Adnkronos   
I più recenti
Attese locali esondazioni dei torrenti in Valle d'Aosta
Attese locali esondazioni dei torrenti in Valle d'Aosta
Si alza il livello della Dora, allagamenti in Valle d'Aosta
Si alza il livello della Dora, allagamenti in Valle d'Aosta
Anas riapre al traffico la strada del Colle del Piccolo San Bernardo tra Valle d'Aosta e Francia
Anas riapre al traffico la strada del Colle del Piccolo San Bernardo tra Valle d'Aosta e Francia
Terremoto magnitudo 3.4 in Svizzera a confine con Valle d'Aosta
Terremoto magnitudo 3.4 in Svizzera a confine con Valle d'Aosta
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...