Tragedia sul Monte Rosa: morte due alpiniste. Salvo il terzo disperso: "Il meteo è cambiato in 5 minuti"

Le due alpiniste italiane erano rimaste bloccate a causa del maltempo sotto la Piramide Vincent, a 4.150 metri di quota, e avevano chiamato i soccorsi

Martina Svilpo e Paola Viscardi (foto Ansa)
Martina Svilpo e Paola Viscardi (foto Ansa)
di Tiscali News

Tragedia sul Monte Rosa, dove sono morte due alpiniste. E' questo il bilancio di un complesso salvataggio iniziato il 3 luglio da parte Soccorso Alpino Valdostano per la ricerca e il recupero di tre alpinisti italiani, due donne e un uomo, che erano dispersi. Durante la notte i tre sono stati raggiunti sotto la Pyramide Vincent, a quota 4150 metri e portati al rifugio Mantova.

Morte a causa dell'ipotermia

Le due donne sono decedute a causa dell'ipotermia. L'uomo, ipotermico e con congelamenti, è stato portato in ospedale in Svizzera. Le vittime sono Martina Svilpo, di 29 anni, residente a Crevoladossola (Verbania), e Paola Viscardi, di 28 anni, residente a Trontano (Verbania). Con loro c'era anche Valerio Zonna, di 27 anni, di Pettenasco (Novara), che ha
riportato gravi congelamenti alle mani ma è sopravvissuto.

"Il meteo è cambiato in 5 minuti. Ho dato i miei guanti alle ragazze"

"In cinque minuti il meteo è cambiato e la bufera ci ha bloccati in quota", ha raccontato Valerio Zolla al sito del quotidiano La Stampa. "Come sto? Vi lascio immaginare...", si limita a dire il giovane alpinista di Pettenasco. "Ricordo il freddo, tanto freddo, mi sono tolto i guanti per darli a una delle due ragazze. Ho fatto il possibile per aiutare i soccorritori...", ha aggiunto.

I soccorsi

Le squadre di soccorso, formate da tecnici del Soccorso Alpino Valdostano a cui si sono aggiunti i soccorritori di Alagna e del Sagf di Cervinia, hanno operato in condizioni estreme a causa della bufera e del vento forte, che ha impedito all'elicottero di Air Zermatt di avvicinarsi al luogo del recupero. Gli svizzeri sono poi riusciti, in tarda notte, a raggiungere il Mantova. Le due donne, nonostante le operazioni di rianimazione cardiopolmonare, sono decedute. Le condizioni dell'alpinista portato in ospedale non destano preoccupazione.