Ucraina: incinta guida per 20 ore, il figlio e' nato in Umbria

di Ansa

Fugge dall'Ucraina e guida per 20 ore al sesto mese di gravidanza per far nascere il bimbo, che porta in grembo, lontano dalla guerra. A mettersi al volante e percorre piu' di 1.700 chilometri, quelli che separano la citta' di Ivano-Frankivs'k da Foligno, era stata nelle ore successive all'invasione russa, Uliana Pavelik, 33 anni e gia' mamma di Sofia di 10, anche lei arrivata in Italia. A raccontare all'ANSA questa storia, in cui si mescolano coraggio e disperazione, e' la stessa donna che nel frattempo ha dato alla luce Maxim, il 14 maggio presso l'ospedale di Foligno. "A ripensarci oggi - racconta Uliana, medico gastroenterologo - essermi messa al volante della mia piccola auto, assieme alla mia figlia e con Maxim nella pancia e' stato un atto quasi eroico e folle, ma avevo il dovere di far nascere mio figlio in un posto sicuro. Per altro - aggiunge sorridendo - ho iniziato a guidare soltanto un anno fa".