FIPAC Confesercenti Umbria presenta le sue proposte da sottoporre ai futuri parlamentari e alle istituzioni regionali umbre

di Adnkronos

(Perugia, 21/9/22) - Perugia, 21 settembre 2022. È stato Giuliano Granocchia, Presidente Confesercenti Umbria ad iniziare una conferenza stampa in cui, oltre a ricordare il ruolo dell’associazione su tutto il territorio regionale con significative presenze in termini di associati, ha sottolineato come FIPAC (Federazione Italiana Pensionati Attività Commerciali) sia a livello locale che nazionale un importante punto di riferimento. Granocchia ha poi proseguito: “Il documento che viene illustrato da Pier Francesco Quaglietti, Coordinatore FIPAC Confesercenti Umbria, esamina problematiche importanti di un mondo che non deve essere nè sminuito nè emarginato. Lo Invieremo a tutti gli eletti umbri nel Parlamento nazionale, contattandoli poi direttamente. Lo consegneremo anche a tutti i gruppi consiliari regionali nonché agli assessori regionali dell’Umbria per quanto attiene alle loro competenze, cosi come al presidente ANCI Umbria”. Pier Francesco Quaglietti , partendo dall’analisi dell’attuale contesto socio-economico dell’Umbria, regione dove oggi vive una popolazione con età media più alta di quella nazionale, di cui oltre un quarto composta da ultra sessantacinquenni,ha evidenziato come “ sia necessario focalizzarsi sull’assistenza sociale, sulla sanità, sulla realtà dei vari territori, sui servizi, sui pensionati con problematiche fisiche che non possono partecipare ad aggregazioni sociali, troppo spesso assenti sui territori. Proprio in merito a questo argoment , ha puntualizzato come il primo punto del programma FIPAC Confesercenti Umbria sia la necessità che i comuni incrementino le politiche di protezione sociale, ritagliando nel loro bilancio fondi adeguati. “ Tra i vari argomenti Pier Francesco Quaglietti ha poi più volte ricordato come la sanità, soprattutto in rapporto alle esigenze di tutta la popolazione ed in particolare dei pensionati, deve incrementare la qualità e la celerità delle prestazioni, evitando tempi di attesa eccessivamente lunghi. Il coordinatore regionale ha concluso il suo intervento “sottolineando come uno dei punti cardine dell’associazione sarà quello di operare sempre a favore di un’inclusione sociale di tutti gli anziani senza distinzione alcuna, inclusione che deve renderli partecipi della vita quotidiana delle nostre comunità “. Contatti:fipacumbria@libero.itpierfrancescoquaglietti@gmail.com