Tiscali.it
SEGUICI

Scuola, a Trento il Ddl 'Libertà educativa famiglie'

di Adnkronos   

Trento, 9 feb. (Adnkronos) - Un disegno di legge per “garantire la libertà educativa delle famiglie”, e che di fatto è la modifica della legge provinciale sulla scuola del 2006, è stato presentato oggi a Trento dal primo firmatario, il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Claudio Cia, insieme al consigliere provinciale della Lista Fassa Luca Guglielmi, all’assessore all’Istruzione Mirko Bisesti e al presidente di ProVita & Famiglia onlus Antonio Brandi. Il disegno di legge, numero 148 del 3 giugno 2022, è attualmente in discussione nella V commissione (Istruzione e Ricerca), in attesa di approvazione per poi passare al vaglio del Consiglio provinciale.

Il testo prevede che la partecipazione alle attività che non rientrano nel curriculum obbligatorio, come quelle sull'educazione e identità sessuale, sulla salute riproduttiva o sul genere, “è facoltativa e dev’essere inserita nel progetto d’istituto”, e in ogni caso per essere approvata devono prevedere un iter organizzativo con la valutazione degli esperti coinvolti, dei finanziatori e dei materiali didattici utilizzati. In caso di progetti su questi argomenti nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, che prevedano il coinvolgimento degli studenti, devono essere “preventivamente progettati in forma dettagliata, con l'indicazione dei soggetti coinvolti, e presentati ai genitori per una loro preventiva approvazione in forma scritta”.

“Questo disegno di legge vuole difendere il diritto dei genitori di decidere sui percorsi formativi facoltativi dei loro figli — ha spiegato Claudio Cia, Consigliere provinciale di Fratelli d’Italia della Provincia autonoma di Trento — tanto più in una scuola dove non di rado assistiamo a forzature per giustificare percorsi formativi che prevaricano al suo ruolo, che è quello di educare e di formare i ragazzi in modo che siano pronti per affrontare la vita, insegnando la libertà di pensiero e l'indipendenza, e non certo quello di instillare in loro incertezze e confusione”.

L’idea del disegno di legge era scaturita dall’iniziativa di Luca Poli, responsabile del “Movimento pinetano per la vita”, che aveva raccolto 5.942 firme a sostegno di una petizione popolare con la richiesta di un disegno di legge provinciale “sulla libertà educativa, per bandire l'ideologia gender dalle scuole”.

di Adnkronos   
I più recenti
Domenica 'mini-comunali' in Trentino Alto Adige
Domenica 'mini-comunali' in Trentino Alto Adige
Forte afflusso ai mercatini di Natale in Trentino Alto Adige
Forte afflusso ai mercatini di Natale in Trentino Alto Adige
Consiglio Trentino Alto Adige si insedia, ma è ancora stallo
Consiglio Trentino Alto Adige si insedia, ma è ancora stallo
Affluenza in calo alle provinciali in Trentino Alto Adige
Affluenza in calo alle provinciali in Trentino Alto Adige
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...