Toscana, riparte progetto per centro regionale al servizio innovazione

Toscana, riparte progetto per centro regionale al servizio innovazione
di Italpress

FIRENZE (ITALPRESS) - Si rimette in moto il progetto per la creazione di un Centro regionale per la ricerca, la formazione e il trasferimento tecnologico su Big Data & Artificial Intelligence (CBDAI). In linea con il Piano nazionale Impresa 4.0 e con le scelte strategiche della Piattaforma regionale Industria 4.0 - che individuano Big Data e Intelligenza Artificiale fra gli ambiti strategici per la competitività del sistema produttivo e lo sviluppo del territorio-, la Regione Toscana aveva già approvato nell'estate del 2020 un protocollo d'intesa e adesso ha ripreso le fila del progetto, rallentato dalla seconda e terza ondata della pandemia. Sono stati quindi confermati l'interesse strategico e la partecipazione al CBDAI, il centro ideato per mettere in rete le varie articolazioni delle competenze e delle infrastrutture del sistema della ricerca regionale in materia, appunto, di Big Data Analytics e Artificial Intelligence (AI). Soprattutto, è stato deliberato di attuare quanto previsto dal protocollo d'intesa, dando mandato di individuare, all'interno del nuovo assetto organizzativo regionale e presso le Università e gli Enti di ricerca aderenti, i componenti del nucleo tecnico di coordinamento preposto a monitorare la costituzione operativa del Centro e la definizione del relativo programma di attività. Al CBDAI parteciperanno, oltre alle direzioni coinvolte di Regione Toscana con i relativi esperti, il CNR, l'IMT di Lucca, la Scuola Normale Superiore, la Scuola Superiore S. Anna, le Università di Firenze, Pisa e Siena che portano esperienze decennali di numerosi gruppi di ricerca ed eccellenze scientifiche internazionali, con una massa critica di circa 400 scienziati, tra professori, ricercatori, dottorandi e assegnisti di ricerca: grazie al loro impegno i laboratori toscani sono entrati a far parte di tutte le reti di centri di eccellenza europei in AI recentemente lanciate dalla UE, vincendo e portando a termine decine di progetti finanziati con fondi nazionali e internazionali, in particolare europei.La Regione Toscana ha inoltre coltivato negli anni la Rete Telematica Regione Toscana, un network di Comuni ed enti del territorio che hanno via via condiviso i passaggi fondamentali della digitalizzazione. Questo asset di collaborazione con gli enti pubblici dei territori, che sarà rinnovato nei prossimi mesi alla luce delle nuove strategie europee e nazionali sulla digitalizzazione nella PA, e delle opportunità derivanti dalle nuove tecnologie emergenti, assieme all'esperienza diretta degli uffici di Regione Toscana in progetti di Big Data e di analisi di dati, permetterà di utilizzare il Centro regionale CBDAI come collettore di esigenze concrete dai territori, come stimolo di nuovi progetti su tematiche analizzabili con i Big Data e l'Intelligenza Artificiale, e al tempo stesso di formare e far crescere gli enti locali su nuove competenze digitali legate all'analisi dei dati, accompagnandoli - per il tramite di Regione Toscana e del Centro regionale - in questo percorso di innovazione. Le tecnologie Big Data ed AI sono al centro della trasformazione digitale della nostra società e stanno generando cambiamenti sociali ed economici molto profondi. I dati e i sistemi dell'AI stanno rapidamente diventando parte integrante della nostra vita quotidiana attraverso smartphone, wearable device, assistenti personali, digitali e robotici, veicoli con un crescente grado di autonomia, città intelligenti, industria 4.0. Di fronte a queste grandi opportunità, ci sono limiti da superare e rischi da evitare o mitigare. E proprio con questa visione, l'Europa nel 2018 ha lanciato un piano strategico per l'Intelligenza Artificiale, intesa come la combinazione di Dati, IA e robotica, volto a mettere l'Europa al passo con gli sviluppi tecnologici, incoraggiare l'adozione di tali tecnologie da parte dei settori pubblico e privato, e preparare i cambiamenti socioeconomici che ne saranno indotti assicurando un robusto quadro etico e legale. Questa visione è affiancata da investimenti di circa 1,5 miliardi di Euro nel biennio 2018-2020 nei vari programmi H2020, e da un impegno di circa 1 miliardo l'anno nel prossimo programma Horizon Europe e Digital Europe. È stimato che AI potrà mobilitare 20 miliardi/anno tra fondi pubblici e privati dopo il 2020 e contribuire alla ripresa dopo la crisi pandemica con un incremento del 14% del PIL mondiale e un aumento di fatturato stimato di 12.800 miliardi di euro (cfr. Programma Nazionale per la Ricerca 2021-27). Ed è in coerenza con questa visione, volta a far coesistere le opportunità che interessano tutti gli ambiti scientifici e tecnico-produttivi, anche a livello regionale, con il rispetto dei valori etici e dei diritti umani, che la Regione con il supporto al CBDAI contribuisce al consolidamento in unico ecosistema delle competenze presenti sul territorio regionale, in grado di formare gli esperti di analisi dei dati del futuro, di sviluppare progetti con le aziende del territorio e fare della Regione un polo di attrazione degli investimenti a livello internazionale: tanto dei giganti del web quanto delle aziende del settore manifatturiero e delle pubbliche amministrazioni. Il Centro CBDAI costituirà uno stimolo verso la trasformazione culturale, scientifica e tecnologica del tessuto produttivo toscano, e al tempo stesso un fattore di attrazione per le imprese che desiderino effettuare investimenti nella nostra Regione, in considerazione proprio del carattere strategico di queste tematiche per i processi di innovazione del prossimo futuro. Il Centro offrirà supporto tecnico scientifico alle imprese, alla PA e a tutti gli enti pubblici e privati interessati al tema dei Big Data & AI; predisporrà progetti di formazione, ricerca e trasferimento tecnologico da presentare su bandi regionali nazionali ed internazionali; progetterà e contribuirà alla realizzazione di percorsi di formazione, educazione e divulgazione a tutti i livelli, dalle scuole di ogni ordine e grado, alle università, alle imprese, alla PA sul tema dei Big Data & AI, e loro applicazioni. "Adesso, con l'iniziativa della Regione che dà vita al Centro regionale CBDAI, questo ecosistema unico in Italia si arricchisce di un punto di riferimento unitario, una decisione che contribuirà a spingere sull'acceleratore della ricerca e dello sviluppo, campi in cui la Toscana eccelle già da tempo. Ora, sotto l'egida di un'unica sigla, professoresse e professori, ricercatrici e ricercatori potranno impegnarsi ancora di più nel formare e trattenere in Italia, oltre che attrarli dall'estero, giovani cervelli e ricercatori" dichiarano l'assessora a università e ricerca, Alessandra Nardini, e gli assessori a sistemi informativi e e-government, Stefano Ciuoffo, e sviluppo economico, Leonardo Marras. Potranno porsi come interlocutori con istituzioni e politica nel continuare a ideare tecnologie che migliorino la qualità della vita delle comunità: l'ultima frontiera dell'intelligenza artificiale. Da una scelta come questa si potranno determinare vantaggi anche per il sistema produttivo regionale che così diventa parte di un ecosistema avanzato sul piano dell'intelligenza artificiale e dei big data" concludono. La Regione Toscana si impegna a sostenere questo centro, sulla base di progetti concreti, che permettano di coinvolgere anche importanti investimenti privati. Ora la sfida è intercettare, anche attraverso una campagna di comunicazione mirata, imprese e aziende e far capire che se vogliono investire in Toscana c'è una rete di eccellenza e capitale umano pronta a dare supporto in tutta la filiera di trasformazione dei dati in conoscenze e servizi intelligenti, in grado di contribuire al benessere e al miglioramento della vita delle persone, nel quadro dei valori democratici. (ITALPRESS). tvi/com 30-Mar-21 15:28