Toscana, Giani firma un'ordinanza che velocizza le assunzioni in sanità

Toscana, Giani firma un'ordinanza che velocizza le assunzioni in sanità
di Italpress

FIRENZE (ITALPRESS) - E' la numero 108 e si propone di semplificare le procedure per le assunzioni, di qualunque tipologia, nel Sistema sanitario regionale. E' l'ordinanza appena firmata dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, che ha per oggetto il "Quadro regolatorio sulle diverse tipologie di reclutamento di personale per le Aziende e gli Enti del Sistema Sanitario Regionale della Toscana". Si comincia dalle assunzioni a tempo indeterminato. Per questa tipologia sarà possibile attingere dalla graduatorie in vigore, e con procedura di emergenza, compreso il doppio scorrimento di tutti gli idonei, garantendo agli aventi diritto il massimo di possibilità di scelta tra sedi di destinazione. "Il nostro intento - spiega il presidente Giani - è quello di velocizzare il più possibile le procedure che portino a quello che si configura a tutti gli effetti come un inderogabile incremento del numero del personale sanitario in attività. Lo abbiamo già fatto in un recente passato, ma adesso si impone, e nei tempi più brevi possibili, un nuovo aumento del personale in servizio. Lo richiede una seconda ondata, attesa, ma dalle dimensioni ben più ampie rispetto a ciò che speravamo, e soprattutto il personale in servizio, da mesi sottoposto ad un notevole stress e che necessita del massimo riposo possibile e di essere affiancato da nuovi colleghi, che permettano di ridurre il carico di lavoro che grava sulle loro spalle, senza per questo ridurre la qualità e l'intensità del nostro sistema di cure. Con questa ordinanza cerchiamo di raggiungere questo obiettivo. Desidero infine ringraziare tutti gli operatori, sanitari e non, per lo sforzo che hanno fin qui prodotto, che continuano a produrre in questa davvero difficile situazione e che - ne sono sicuro - continueranno a garantire". Anche per le assunzioni a tempo determinato verranno prese decisioni analoghe a quelle adottate per i tempi indeterminati. In entrambi i casi l'obiettivo e quello di garantire l'ingresso in servizio entro una settimana dalla chiamata del personale contattato. (ITALPRESS). mgg/com 13-Nov-20 14:40