In corso di finalizzazione un protocollo “pilota” tra la Regione Toscana e la Eko Agro Group per il lancio della certificazione digitale “Carbon Free” dei suoi prodotti agroalimentari “Made in Tuscany".

di Adnkronos

(Bologna, 3 giugno 2021) - Bologna, 3 giugno 2021 - La produzione e la trasformazione agricola ad impatto ambientale zero, lo svolgimento delle pratiche in modalità sostenibile, l’adozione di strumenti “Agritech”, la tracciabilità molecolare della filiera, la verificabilità dei dati, della qualità e dell’autenticità dei prodotti finiti, autenticati da sistemi digitali innovativi; il rilancio delle aree depresse e rurali, la creazione di nuovi posti di lavoro per i giovani e per le categorie meno protette, la residenza gratuita per i lavoratori della filiera agricola, la partecipazione agli utili di “economia circolare”, l’eccellenza e la valorizzazione internazionale dei prodotti tipici della regione; la promozione e la divulgazione della cultura agricola e delle sue tradizioni, attraverso la produzione e la distribuzione, via IPTV, attraverso format originali. Tutte queste attività con un unico denominatore: realizzare i 17 Obiettivi per uno Sviluppo Sostenibile, seguendo i parametri “SDG’s” indicati dalle Nazioni Unite per la realizzazione di un “Mondo Migliore”. Questo progetto è stato presentato dalla Eko Agro Group (www.esg-eag.com) , società italiana partecipata dalla ESGTI AG (www.esgti.com) e dalla World Markets AG (società svizzere di investimenti), alla Regione Toscana che l’ha accolto con convinzione, condividendo l’obiettivo dello sviluppo sociale e ambientale “ESG”. “Abbiamo sempre considerato unire il nostro modello di sviluppo sostenibile al grande valore culturale, storico, paesaggistico ed economico della Toscana, il messaggio più forte che potessimo dare al mondo intero. Ringrazio a nome del gruppo italo-svizzero che rappresento il Presidente Eugenio Giani e la Vice Presidente Stefania Saccardi, per il loro determinante supporto necessario alla realizzazione del sistema”. Salvatore Toscano, fondatore, Presidente e CEO di Eko Agro Group La produzione e la trasformazione agricola ad impatto ambientale zero, lo svolgimento delle pratiche in modalità sostenibile, l’adozione di strumenti “Agritech”, la tracciabilità molecolare della filiera, la verificabilità dei dati, della qualità e dell’autenticità dei prodotti finiti, autenticati da sistemi digitali innovativi; il rilancio delle aree depresse e rurali, la creazione di nuovi posti di lavoro per i giovani e per le categorie meno protette, la residenza gratuita per i lavoratori della filiera agricola, la partecipazione agli utili di “economia circolare”, l’eccellenza e la valorizzazione internazionale dei prodotti tipici della regione; la promozione e la divulgazione della cultura agricola e delle sue tradizioni, attraverso la produzione e la distribuzione, via IPTV, attraverso format originali. Tutte queste attività con un unico denominatore: realizzare i 17 Obiettivi per uno Sviluppo Sostenibile, seguendo i parametri “SDG’s” indicati dalle Nazioni Unite per la realizzazione di un “Mondo Migliore”. Questo progetto è stato presentato dalla Eko Agro Group (www.esg-eag.com) , società italiana partecipata dalla ESGTI AG (www.esgti.com) e dalla World Markets AG (società svizzere di investimenti), alla Regione Toscana che l’ha accolto con convinzione, condividendo l’obiettivo dello sviluppo sociale e ambientale “ESG”. “Abbiamo sempre considerato unire il nostro modello di sviluppo sostenibile al grande valore culturale, storico, paesaggistico ed economico della Toscana, il messaggio più forte che potessimo dare al mondo intero. Ringrazio a nome del gruppo italo-svizzero che rappresento il Presidente Eugenio Giani e la Vice Presidente Stefania Saccardi, per il loro determinante supporto necessario alla realizzazione del sistema”. Salvatore Toscano, fondatore, Presidente e CEO di Eko Agro Group