Tiscali.it
SEGUICI

Stupro a Palermo, le intercettazioni dopo la denuncia: “La prendo a testate”

di Agenzia DIRE   
Stupro a Palermo, le intercettazioni dopo la denuncia: “La prendo a testate”

ROMA - "Ti giuro stasera mi giro tutta la via Libertà e mi porto la denuncia nella borsetta… le dico guarda che cosa mi hai fatto e poi le do una testata nel naso… le chiudo la narici con una testata". Sono le parole fortissime di uno dei ragazzi del 'branco' che lo scorso 7 luglio a Palermo ha violentato una ragazza di diciannove anni, riportate oggi da Il Corriere. A intercettarle sono state le cimici dei Carabinieri che dopo la denuncia della giovane avevano arrestato tre ragazzi del gruppo, identificati dalla stessa. Uno, Angelo, era un suo amico ed è lui che ha registrato con il cellulare l'aggressione, avvenuta in un vicolo buio del Foro Italico.

Da rabbrividire le parole con cui il giovane il giorno dopo raccontava la "serata brava" in un messaggio ad un amico: “Lo schifo mi viene, perché eravamo ti giuro 100 cani sopra una gatta, una cosa di questa l’avevo vista solo nei video porno. Eravamo troppi. Sinceramente mi sono schifato un poco ma però che dovevo fare? La carne è carne”.Il ragazzo, insieme agli amici, quella sera aveva fatto ubriacare la 19enne e le aveva fatto fumare marijuana prima di trascinarla lontana da occhi indiscreti e abusare di lei, come testimoniano le telecamere di sicurezza. Le stesse che dopo l'atto riprendono i sette andare via come nulla fosse, per andare a cena in una rosticceria."Ho afferrato il telefono e ho chiamato il mio ragazzo - le parole della 19enne ai medici e ai carabinieri, riportate dal Corriere della Sera - Non sono riuscita a dirgli altro se non che mi trovavo al Foro Italico e che avevo bisogno di un’ambulanza. A quel punto mi sono accasciata a terra con il cellulare in mano. Ero sonnolenta, sentivo un gran bisogno di dormire. Sono stata raggiunta da qualcuno che ha chiuso la chiamata e mi ha fatta alzare in piedi. Poi mi hanno riportata da Angelo, che era rimasto in disparte. Gli ho chiesto di chiamare aiuto, ma lui ha risposto che non lo avrebbe fatto perché non voleva che fosserocoinvolte le forze dell’ordine. Se ne sono andati…".

di Agenzia DIRE   

I più recenti

L’ombra delle scommesse clandestine dietro alla sparatoria allo Sperone di Palermo
L’ombra delle scommesse clandestine dietro alla sparatoria allo Sperone di Palermo
La Regione intensifica i controlli sul grano estero in arrivo a Pozzallo
La Regione intensifica i controlli sul grano estero in arrivo a Pozzallo
Controlli sul grano estero in arrivo al porto di Pozzallo
Controlli sul grano estero in arrivo al porto di Pozzallo
Studenti siciliani a lezione di Numero Unico di Emergenza 112
Studenti siciliani a lezione di Numero Unico di Emergenza 112

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...