Sicilia, sospeso il giudizio di parifica sul Rendiconto: resta il nodo disavanzo

Sicilia, sospeso il giudizio di parifica sul Rendiconto: resta il nodo disavanzo
di Agenzia DIRE

PALERMO - Ora è corsa contro il tempo alla ricerca di una norma 'Salva-Sicilia' da ancorare al decreto Aiuti o direttamente alla manovra messa a punto dal governo nazionale. La Corte dei conti ha negato parzialmente la parifica del bilancio della Regione Siciliana datato 2020, passando la parola alla Corte costituzionale per quanto riguarda la querelle sulle modalità di copertura del disavanzo di 2,2 miliardi che da anni pesa sui conti di Palazzo d'Orleans. In ballo ci sono 866 milioni di euro, cifra che secondo i magistrati contabili avrebbe dovuto essere spesa per il ripianamento in tre anni del disavanzo mentre il governo Musumeci aveva stretto un accordo con Roma per un rientro decennale.Parola alla ConsultaQuell'intesa, attuata con un decreto legislativo, secondo le sezioni Riunite della Corte dei Conti, non avrebbe potuto avere seguito, anche perché arrivata oltre il limite dei 90 giorni imposto dalle norme di riferimento. La questione di legittimità costituzionale sollevata dai giudici contabili rappresenta un fardello sulla capacità di manovra del nuovo governo regionale, presieduto da Renato Schifani, che da qui a breve avrebbe dovuto scrivere la nuova legge di stabilità e che ora potrebbe vedere cambiati i propri piani.Schifani: "Confronto con Roma"Il governatore, intanto, ha dettato la linea: "Abbiamo ascoltato il pronunciamento della Corte e la questione della legittimità costituzionale che è stata sollevata a proposito del decreto legislativo firmato dal presidente del Consiglio dei ministri e dal Capo dello Stato, che consentiva alla Regione di spalmare il proprio debito in dieci anni - le parole del governatore -. Pur non condividendo tale iniziativa che, a onor del vero, avrebbe potuto essere portata avanti un anno fa e non lo è stata, ci attiveremo perché il governo e il Parlamento nazionali possano confermare tale facoltà. Riguardo alle altre partite che sono state contestate, le valuteremo per apportare i dovuti correttivi".