Tiscali.it
SEGUICI

Sgominata piazza di spaccio a Trapani, dieci arrestati

di Italpress   
Sgominata piazza di spaccio a Trapani, dieci arrestati

TRAPANI (ITALPRESS) - A Trapani, la Polizia di Stato, su delega della Direzione Distrettuale di Palermo, titolare delle indagini, ha dato esecuzione a un provvedimento cautelare restrittivo nei confronti di 10 soggetti trapanesi, di cui 6 uomini e 4 donne, gravemente indiziati, a vario titolo, di appartenere a una associazione a delinquere dedita allo spaccio di stupefacente, attiva nel popolare quartiere di San Giuliano. Dei 10 arrestati, 7 sono stati sottoposti alla custodia in carcere e 3 agli arresti domiciliari. Altri due indagati, sono stati sottoposti, per gli stessi fatti, alla misura dell'obbligo di dimora. L'attività d'indagine, avviata a settembre 2020, avrebbe documentato, fino a dicembre 2022, il particolare attivismo criminale di un intero nucleo familiare, radicato nel quartiere popolare di San Giuliano e dedito allo spaccio al dettaglio di cocaina, crack e hashish. Il capo famiglia, un trapanese di 40 anni con precedenti specifici, è ritenuto dagli investigatori il capo e promotore dell'organizzazione; l'uomo, insieme alla ex moglie, avrebbe adibito a luoghi di spaccio, nel citato quartiere, dapprima, due abitazioni e un garage e, in seguito, un'intera piazza del rione.

Gli immobili, con porte e finestre blindate, protette da sbarre di ferro, sarebbero stati presidiati h 24 da una rete di pusher che, a turno, avrebbero ceduto lo stupefacente ai numerosi acquirenti, in qualsiasi ora del giorno e della notte; sui muri perimetrali degli immobili, il sodalizio avrebbe inoltre installato delle telecamere, necessarie a controllare l'identità degli acquirenti che accedevano all'immobile. Le indagini, condotte dagli investigatori della Squadra Mobile di Trapani, avrebbero accertato che le cessioni della sostanza, avvenivano attraverso le grate, che rimanevano sempre serrate, verosimilmente, allo scopo di ostacolare eventuali, improvvise irruzioni delle forze di polizia. Dopo alcune perquisizioni subite dagli investigatori della Polizia di Stato, il sodalizio, probabilmente per scongiurare il pericolo di nuovi sequestri e, dunque, nuove perdite di stupefacente e denaro, avrebbe affidato la provvista della droga a tre donne del quartiere, ritenute 'insospettabili', lasciando nei luoghi dello spaccio il solo quantitativo destinato alle cessioni giornaliere. Le tre donne, che l'odierno provvedimento ha sottoposto agli arresti domiciliari, nel dicembre del 2020, sono state arrestate dalla Squadra Mobile di Trapani, nell'ambito dello stesso procedimento, perché trovate nella disponibilità di 366 grammi di cocaina. L'inchiesta ha inoltre permesso di individuare i fornitori dello stupefacente: si tratta di tre trapanesi, con precedenti specifici, due dei quali sottoposti alla custodia cautelare in carcere, il terzo all'obbligo di dimora. Per reperire lo stupefacente, i tre, in alcuni casi si sarebbero affidati alla vicina provincia palermitana. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati circa 530 grammi di cocaina e crack e oltre 120 grammi di hashish; tuttavia, le investigazioni avrebbero permesso di documentare quasi duecento cessioni di stupefacente. Secondo una stima approssimativa, il volume di affari del sodalizio si aggirava intorno ai 2000 euro giornalieri. Le risultanze investigative, compendiate nell'ordinanza del Giudice per le indagini preliminari, avrebbero dimostrato che il capo famiglia, insieme all'ex moglie, si sarebbe servito, per il confezionamento dello stupefacente e per le cessioni, tra gli altri, anche di uno dei figli della coppia, all'epoca dei fatti minorenne. Nei confronti del ragazzo, il Tribunale per i minorenni ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere, eseguita stamani unitamente alle altre misure restrittive.foto: ufficio stampa Polizia di Stato (ITALPRESS). tvi/com 24-Apr-24 11:26 .

di Italpress   
I più recenti
Sgominata banda di trafficanti droga tra Catania e Calabria, 13 arresti
Sgominata banda di trafficanti droga tra Catania e Calabria, 13 arresti
Traffico cocaina su asse Calabria-Sicilia, ordinanza per 13
Traffico cocaina su asse Calabria-Sicilia, ordinanza per 13
Aeroporto Catania, un flyer informativo per passeggeri e turisti
Aeroporto Catania, un flyer informativo per passeggeri e turisti
Il libro Le vite spezzate delle Fosse Ardeatine fa tappa in Sicilia
Il libro Le vite spezzate delle Fosse Ardeatine fa tappa in Sicilia
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...