Tiscali.it
SEGUICI

Sbarra a Palermo "Basta appalti e sub appalti senza regole"

di Italpress   
Sbarra a Palermo 'Basta appalti e sub appalti senza regole'

PALERMO (ITALPRESS) - "Anche ieri purtroppo ancora vittime nei luoghi di lavoro. Una scia di sangue interminabile. La sicurezza e la salvaguardia della vita dei lavoratori e' una battaglia di civiltà che deve unire il Paese. C'e' una illegalità diffusa confermata dagli ultimi dati dell'Ispettorato del lavoro. Basta appalti e sub appalti senza rispetto delle regole di prevenzione. Bisogna estendere il Codice degli Appalti pubblici ai grandi cantieri privati". È tornato a ribadirlo anche oggi a Palermo il leader Cisl Luigi Sbarra, intervenendo al CG della Cisl Sicilia. "La convocazione di lunedì a Palazzo Chigi e' importante- ha aggiunto Sbarra- ma e' solo un primo passo che deve diventare un saldo cammino. L'obiettivo è riannodare il filo del dialogo con il Governo per costruire insieme alle imprese una strategia nazionale all'altezza. Guai a fermare tutto a risposte 'spot' trascinate dall'emotività di pochi giorni. Dobbiamo collegare queste misure a un sistema normativo coerente, qualificato nei contenuti della nostra piattaforma". Secondo il sindacalista per tenere alta l'attenzione sul tema degli infortuni sul lavoro e porre fine a questa strage ormai giornaliera "la via giusta è quella di una mobilitazione nazionale capillare, che parta dai luoghi di lavoro e dai territori e abbia un orizzonte lungo, che non si esaurisca nella fiammata di qualche giorno.

Bisogna partire dall'incontro con le persone, arrivando alle istituzioni nazionali, alla politica, al sistema delle imprese". Il numero uno di via Po ha poi sottolineato l'importanza di "garantire strumenti di partecipazione più forti, che diano alle rappresentanze dei lavoratori attraverso la contrattazione piu' potere e protagonismo nelle scelte delle aziende". "Un traguardo finalmente alla nostra portata grazie alle quattro proposte di legge già in discussione alla Camera. L'auspicio e' che scaturisca un testo unificato che integri spirito e contenuti del nostro progetto di legge sulla partecipazione dei lavoratori su cui abbiamo raccolto 400 mila firme", ha aggiunto Sbarra. Sull'autonomia differenziata il numero uno Cisl ha ribadito che "qualunque processo di autonomia non puo' che rafforzare la coesione e l'unita' della nazione. Non abbiamo pregiudizi a discutere nel merito, ma pensiamo che prima di avviare qualsiasi percorso di conferimento di nuovi poteri dallo Stato alle Regioni, occorra definire e finanziare i livelli essenziali delle prestazioni. Ad ogni latitudine del Paese bisogna garantire i diritti di cittadinanza, a Palermo come a Bergamo: sanita', scuola, trasporti, infrastrutture, energia, previdenza. E poi bisogna costruire un fondo di perequazione fiscale che aiuti le regioni in difficolta'. E' necessario superare il criterio della spesa storica per misurasi sui fabbisogni standard. Ecco perche' diciamo discutiamone nel merito, senza accelerazioni, senza colpi di mano - ha aggiunto- pensiamo che questa riforma debba essere ancorata al principio della partecipazione non solo in Parlamento ma anche nel rapporto con le regioni e soprattuto con le organizzazioni sindacali per evitare fughe in avanti e soluzioni pasticciate che possono spaccare il Paese". Il segretario generale della Cisl Sicilia, Sebastiano Cappuccio, ha annunciato l'avvio in Sicilia di una campagna di mobilitazione sulla sicurezza sul lavoro nelle aziende, nei cantieri e nelle principali città dell'isola. "A partire da lunedì - ha detto Cappuccio, aprendo i lavori del consiglio generale a Palermo - saremo presenti in ogni posto di lavoro per affermare il diritto imprescindibile alla sicurezza. Parallelamente nelle piazze delle principali città dell'isola si terranno flashmob e attività di volantinaggio della Cisl per sensibilizzare i cittadini su questo tema, che riguarda tutti nessuno escluso. Dobbiamo fermare questa strage".- Foto: Uffico stampa Cisl Sicilia - (ITALPRESS). pc/com 23-Feb-24 13:33 .

di Italpress   

I più recenti

L'ultimo saluto ad Agostino, Arcivescovo Palermo Esempio di resistenza alla mafia
L'ultimo saluto ad Agostino, Arcivescovo Palermo Esempio di resistenza alla mafia
Siracusa, 75 chili di marijuana sotto terra: scoperto il bunker della droga
Siracusa, 75 chili di marijuana sotto terra: scoperto il bunker della droga
Torneo Regioni di Calcio a 5, Morgana Sicilia tra le protagoniste
Torneo Regioni di Calcio a 5, Morgana Sicilia tra le protagoniste
Stroncato traffico di droga all'ombra della mafia, 4 arresti nel Catanese
Stroncato traffico di droga all'ombra della mafia, 4 arresti nel Catanese

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...