Orrori in una casa di riposo palermitana, tre arresti

Orrori in una casa di riposo palermitana, tre arresti
di Agenzia DIRE

PALERMO - Anziani maltrattati fino al punto di essere legati al loro letto con del nastro adesivo. Gli orrori sono stati scoperti dai carabinieri e dalla procura di Palermo. Tre persone sono finite agli arresti domiciliari per maltrattamenti contro familiari o conviventi, sequestro di persona e abbandono di persone minori o incapaci.PAZIENTI ABBANDONATI E LEGATISul campo hanno lavorato i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia San Lorenzo e della Stazione di Partanna Mondello. Tutto è nato dalla denuncia presentata da un ex dipendente di una casa di riposo per anziani nei confronti dei due gestori, un 60enne e un 34enne, padre e figlio, e di una 59enne, operatrice dipendente che sono finiti ai domiciliari: i tre, a vario titolo, avrebbero maltrattato e vessato gli ospiti della struttura. Uno di questo, in gravi condizioni psico-fisiche e di disabilità motoria, sarebbe stato costretto a rimanere rinchiuso nella propria stanza di degenza per numerose ore della giornata, senza che alcun operatore gli prestasse assistenza. Talvolta, durante l'arco notturno, sarebbe stato legato al proprio letto con del nastro adesivo.MINACCE E OFFESESecondo l'ordinanza cautelare, inoltre, ci sarebbero anche episodi di abbandono, vessazioni e angherie nei confronti di altri ospiti della struttura con minacce, offese verbali, frasi denigratorie, "fino a vere e proprie condotte di privazione - dicono i carabinieri - della libertà personale".