Musumeci "la Regione siciliana investe sulla cultura"

Musumeci 'la Regione siciliana investe sulla cultura'
di Italpress

ENNA (ITALPRESS) - "Con la cultura 'si mangia', la cultura dà da vivere a tanta gente". Lo ha dichiarato il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, in visita istituzionale nella provincia di Enna. Al Palazzo Municipale di Aidone, accolto dal sindaco Sebastiano Chiarenza e dal presidente del Consiglio comunale Francesco Curìa, Musumeci ha incontrato i componenti della giunta e del consiglio comunale. "Il governo regionale - ha dichiarato - è particolarmente vicino alle Comunità delle aree interne, che soffrono lo spopolamento e la carenza di infrastrutture. Stiamo impegnando tutte le risorse extra regionali disponibili per colmare le paurose distrazioni del passato". A seguire, il presidente ha fatto tappa a Piazza Armerina nell'area ex Siace in contrada Bellia, accompagnato dal sindaco Nino Cammarata, e ha visitato il "Museo della città e del territorio" a Palazzo Trigona della Floresta e di San Cono, finanziato dalla Regione, in cui sono in corso i lavori di ripristino e allestimento che dovrebbero completarsi il mese prossimo. "Palazzo Trigona è un edificio che ha fatto la storia della città, per tanto tempo disabitato e abbandonato. La Regione Siciliana lo ha fatto diventare Museo archeologico e della storia cittadina, uno spazio che racconta la crescita urbanistica e culturale di Piazza Armerina - ha sottolineato il presidente della Regione Musumeci durante la visita -. Se immaginiamo di unire i mosaici di Villa del Casale, il Museo di Palazzo Trigona, insieme alla buona cucina, l'accoglienza, il patrimonio religioso e artistico monumentale, la vicinanza ad Aidone, con la sua Venere di Morgantina, e ancora a Caltagirone ed Enna, possiamo creare un vero e proprio circuito. Siamo passati dalle parole ai fatti, perché sulla cultura il mio governo sta investendo e perché con la cultura 'si mangia', la cultura dà da vivere a tanta gente". Il museo avrà delle sale dedicate alla storia della città e al suo patrimonio storico-culturale unendo un impianto espositivo tradizionale alle moderne esigenze di fruizione tecnologica e multimediale: oltre agli elementi del periodo preistorico, arcaico, classico ed ellenistico, provenienti dal territorio, esposti nelle vetrine, anche una dotazione multimediale di monitor e tavoli touch-screen per la navigazione interattiva. (ITALPRESS). vbo/com 05-Mar-21 20:05